10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

La No Tav del bacio al poliziotto denunciata per violenza sessuale

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Alla fine lo hanno fatto. Da giorni circolava già la voce, ma sembrava talmente assurda che in pochi l’hanno presa sul serio, anche perché il tema trattato è da prendere sempre con le pinze. E invece Nina De Chiffre, la ragazza No Tav balzata agli onori della cronaca e degli obiettivi dei fotografi per il bacio al casco di un poliziotto in occasione della manifestazione del 16 novembre contro la linea ad alta velocità, è stata denunciata.
Ma la cosa che lascia veramente allibiti sono i reati contestati: oltraggio a pubblico ufficiale e, ma quello che farà discutere sicuramente è la violenza sessuale.
A darne l’annuncio è stato Franco Maccari, segretario generale del sindacato di Polizia, Coisp: «Ho denunciato la No Tav che ha baciato il casco del poliziotto – che ha spiegato perché proprio violenza sessuale – Se io la bacio sulla bocca, non è reato? Se fosse stato un poliziotto a baciare un manifestante a caso, sarebbe scoppiata la terza guerra mondiale».
Un bacio che era stato interpretato, da chi vuole dividere all’interno del movimento che si oppone alla Torino-Lione tra buoni e cattivi, come il simbolo di pacificazione tra la polizia e i manifestanti. L’attivista No Tav milanese, però, aveva subito spiegato di aver fatto quel gesto per disprezzo nei confronti delle forze dell’ordine, soprattutto dopo quanto avvenuto a Marta di Pisa, picchiata e molestata dagli agenti a luglio durante una manifestazione.
E proprio del fascicolo che riguarda la vicenda di Marta non si hanno più notizie. Tutto è incominciato il 19 luglio quando venne arrestata: la donna denunciò che durante il suo arresto, venne molestata, palpeggiata e insultata dagli uomini delle forze dell’ordine. Una violenza sessuale, quella di allora, che sicuramente non ha niente a che vedere con la provocazione di un bacio su una visiera abbassata di un casco.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano