12.2 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

La giunta Appendino diserta l’incontro con i lavoratori CSI

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Dopo una lunga attesa, per i lavoratori del CSI arrivava finalmente la prospettiva di un punto di svolta. Da quando si parla della privatizzazione del Consorzio, infatti, i dipendenti hanno chiesto alle istituzioni di spiegare quali siano le prospettive e quali le garanzie per il proprio lavoro.

L’incontro di oggi con Regione e Comune di Torino era l’occasione tanto attesa. Peccato che qualcosa sia andato storto. Nei palazzi di Piazza Castello, infatti, i lavoratori sono stati ricevuti dall’assessora all’Innovazione della Regione Piemonte Giuseppina De Santis, dando al contempo per certa l’arrivo di Chiara Appendino o di un membro della giunta comunale. Pensiero che appariva scontato ai lavoratori, dopo le rassicurazioni delle istituzioni cittadine circa la propria presenza. E invece niente. Niente Sindaca e niente assessori. Solo due “staffisti”, mandati dai settori Lavoro e Innovazione.

Addirittura, sembrerebbe che due consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle abbiano chiesto di poter partecipare all’incontro in rappresentanza della Città per ascoltare i lavoratori. Opzione che sarebbe stata negata.

Sul tema è intervenuto il vicepresidente del Consiglio comunale Enzo Lavolta: « E’ grave quanto accaduto quest’oggi in occasione di una importante riunione, richiesta dai lavoratori, in Regione Piemonte sul futuro del CSI».

«Ci saremmo aspettati quanto meno una presenza utile ad ascoltare le preoccupazioni dei lavoratori ed a interloquire con il socio Regione Piemonte per condividere il percorso e le strategie future sulle prospettive del CSI, con le conseguenti garanzie occupazionali per i lavoratori medesimi – continua Lavolta –L’attenzione del Sindaco si è limitata alla delega di due “staffisti” della Giunta che hanno presenziato all’incontro , in rigoroso silenzio, e senza fornire alcun contributo in ordine alla posizione della Città».

«Invito sin d’ora la Sindaca a rispondere in aula lunedì prossimo per comprendere quale sia la sua posizione sul futuro del CSI e se corrisponda a quella eloquente dei due collaboratori inviati, evidentemente loro malgrado», conclude il presidente del Consiglio comunale.

A fargli eco i rappresentanti dei lavoratori CSI «Confermiamo riga per riga. Pensiamo che l’assenza del sindaco sia una grave mancanza di considerazione e rispetto degli oltre mille dipendenti del CSI».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano