14.1 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Una targa in memoria di Carmine Civitate

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Carmine Civitate, proprietario del bar dell’Angelo in piazza Stampalia fu assassinato il 18 luglio 1979 a Torino da due terroristi di Prima Linea, Maurice Bignami e Marco Donat-Cattin, per vendicare due loro compagni uccisi dalle forze dell’ordine, alcuni mesi prima, nello stesso locale. Ora nel luogo dell’agguato, in via Paolo Veronese 340, è stata apposta una targa in sua memoria su iniziativa dell’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo (AIVITER).

Il bar dell'Angelo in Piazza Stampalia
          Il bar dell’Angelo in Piazza  Stampalia

Carmine Civitate, immigrato calabrese, ex operaio specializzato della Fiat, aveva rilevato da pochi giorni il locale e non aveva nulla a che fare con i fatti che provocarono la ritorsione terroristica (tra il 1969 ed il 1984 la violenza terroristica provocò 361 morti e 750 feriti). Alla cerimonia di commemorazione erano presenti la moglie Francesca e i due figli, Gianluca e Roberto (che all’epoca dei fatti avevano 5 e 3 anni), il vice Presidente del Consiglio regionale del Piemonte Nino Boeti, il Presidente del Consiglio Comunale di Torino Fabio Versaci ed il Presidente della V Circoscrizione Marco Novello.

15134753_1324988884187071_7652929742355484433_n

                       La moglie di Carmine Civitate, Francesca, e i figli Gianluca e Roberto

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano