20.4 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Juve, Sarri: “Higuain è spendibile per uno spezzone di partita”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Maurizio Sarri tecnico della Juve, dalla sala conferenze dello Stadium, parla alla vigilia della sfida contro il Lecce analizzando la situazione di alcuni singoli: “Higuain si è allenato con noi, è spendibile per uno spezzone di partita: se sarà iniziale o finale, lo vedremo. Per Ramsey vale lo stesso discorso. Valuteremo tutti al meglio oggi, la condizione sta piano piano salendo. Esterno basso? Oggi proverò un paio di soluzione sull’esterno, tra cui Matuidi, e poi deciderò”.

Il tecnico bianconero, infatti deve fare i conti con una difesa ridotta, Mattia de Sciglio infortunato contro il Bologna, ma anche con un campionato così serrato, che non lascia rifiatare i giocatori.

Sarri ha poi chiarito sulla situazione psicologica di Higuain: “Tutto quello che è successo a livello personale e globale l’ha turbato, lui è un ragazzo sensibile e questa situazione l’ha toccato in modo profondo. Quando è rientrato dall’Argentina non riteneva giusto che si ripartisse e si pensasse al calcio. A questo s’è aggiunto anche un piccolo infortunio ma da quando l’ha superato lo vedo diverso, con quella voglia che aveva a inizio stagione”.

“Le partite adesso sono tutte difficili” continua Sarri “Tra gare ravvicinate e condizione non ottimale. Dovremo approcciarla bene, senza superficialità e supponenza. Il Lecce ha fatto meglio in trasferta che in casa, massimo rispetto per loro. Il risultato è tutto da conquistare”.

E sul caso Miralem Pjanic e le voci di mercato che lo vedrebbero coinvolto in uno scambio con Arthur del Barcellona? Il tecnico ha risposto con un secco diniego: “Il brasiliano è un giocatore del Barcellona, mi sembrerebbe brutto parlarne, non mi è piaciuto quando l’allenatore del Barcellona ha parlato di Pjanic perché in questo momento è un mio giocatore. Siccome non mi è piaciuto non voglio parlare di Arthur nella maniera più assoluta”.

Durante la conferenza il tecnico si è complimentato con le ragazze della Juve femminile a cui è stato assegnato lo scudetto: “E’ giusto che lo scudetto, visto il campionato che ha fatto, la classifica e il distacco, sia stato assegnato. La squadra ha vinto meritatamente. C’è solo da fare i compimenti alle ragazze per il percorso fatto”.

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano