8.5 C
Torino
martedì, 27 Ottobre 2020

Iren, Cgil-Cisl-UIl: preoccupazione e contrarietà sulla scelta di vendere

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La notizia riportata dai media sulla scelta, da parte della Città di Torino, di vendere un ulteriore 2,5% delle azioni della Multiutility IREN, preoccupa fortemente Cgil Cisl Uil Torino che esprimono contrarietà su questa scelta.

Infatti il gruppo IREN, costituito da società che operano in ambito Energetico, idrico e dell’igiene ambientale nelle aree territoriali di Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna, rappresenta per la nostra città un imprescindibile soggetto strategico, sia dal punto di vista della qualità dei servizi resi ai cittadini, per le tariffe che gli stessi pagano e per le conseguenti ricadute occupazionali ed economiche per il territorio interessato.

Tale scelta sarebbe motivata dalla necessità di compensare i tagli derivanti dalla Legge di stabilità, approvata nei giorni scorsi, che provocherebbe un buco di circa 20 milioni di Euro al prossimo bilancio del Comune di Torino (anno 2019).

- Advertisement -

La vendita di ulteriori quote, dopo quelle messe sul mercato l’anno scorso, minerebbe irreversibilmente il permanere di una maggioranza pubblica nella proprietà dell’intero gruppo IREN. Ed anche nel caso di un improbabile riacquisto da parte di altri Enti Pubblici (Comune di Genova ecc…), l’operazione sposterebbe comunque a danno della Città di Torino gli equilibri di potere all’interno della Multiutility, sino ad oggi sostanzialmente paritari tra Torino, Genova e la parte emiliana.

Cgil Cisl Uil Torino sono contrari perché il provento “una tantum”, proveniente dalla cessione suddetta, non compenserebbe, a danno della collettività torinese, gli utili provenienti dai futuri dividendi. Asseriamo ciò anche in base all’andamento borsistico italiano per cui gli asset di Iren sarebbero svalutati.

Si evidenzia poi che i risvolti negativi di una eventuale cessione sarebbero:

– il ridimensionamento degli investimenti previsti in Piemonte pari a circa 1 Miliardo di Euro da qui al 2023;

– il rallentamento degli investimenti nel comparto dell’Igiene Ambientale; oggi AMIAT e TRM a Torino, SETA sul bacino SETTIMO-CHIVASSO

– il rallentamento dell’estensione del Teleriscaldamento all’Area Metropolitana Torinese prevista al 90%. Nel settore della distribuzione dell’energia elettrica vi è una forte preoccupazione per il mantenimento degli investimenti previsti sulla rete di distribuzione di Torino, che va potenziata per ovviare alle attuali carenze; vedi i blackout dell’estate scorsa.

– indurre Iren a rivedere al ribasso il proprio piano industriale con il quale aveva preventivato circa 1000 assunzioni da qui al 2023 riducendo quelle destinate all’area torinese.

– è chiaro che così si spostano gli equilibri interni. Il lavoro fatto in questi anni dalla azienda e le prospettive future per il Piemonte saranno sicuramente messe in discussione. E’ importante un riequilibrio degli assetti azionari anche in previsione della rielezione del cda e dei vertici (occorre dare continuità) prevista nella prossima assemblea (primavera 2019). L’impressione è quella che si voglia spaccare il fronte dei vari patti para-sociali spostando su Genova la priorità degli investimenti di IREN oggi distribuiti in modo equo tra le tre aree territoriali. La modifica degli assetti azionari sarebbero un disincentivo a tutte le forme di sponsorizzazione delle attività culturali della Città di Torino e persino delle attività sportive riferite al territorio.

Per tutte queste ragioni i sindacati torinesi richiamano la Sindaca Appendino e la Giunta Comunale alla piena osservanza delle vigenti Delibere Comunali e di quanto previsto dal Protocollo di intesa del 16 marzo 2015, richiedendo inoltre l’attivazione delle procedure di informazione/consultazione ivi previste esortando gli stessi a non compiere la scelta di vendere ulteriori quote azionarie IREN: il danno che una simile operazione porterebbe al territorio torinese sarebbe gravissimo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Notte di guerriglia contro le chiusure

Fuochi di artificio, lanci di bottiglie, petardi, bombe carta e cori contro la giunta regionale e contro le forze dell’Ordine schierate in...

Ore 18: chiudono bar e ristoranti

Il silenzio è interrotto solo dal rumore delle sedieche vengono impilate e delle saracinesche che calano. Mancano pochi minuti alle 18, l'ora...

Inizia il lunedì di protesta a Torino: taxi in piazza Castello contro chiusure

Mentre per la serata sono attese due manifestazioni di protesta contro il nuovo Dpcm firmato ieri da Conte e che prevede la...

Elena Piastra positiva al Covid. La sindaca di Settimo: “Non abbassiamo la guardia”

Il test rapido le ha dato esito positivo e ora farà il tampone molecolare per averne conferma. La sindaca di Settimo Elena...

“Siamo costretti a chiudere”. La protesta di Confesercenti contro il Dpcm

“Alle 18.00 siamo costretti a chiudere, ma avere un futuro è un nostro diritto”. È questo il messaggio del manifesto che migliaia...