14 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

#iorinuncio, Davide Bono del M5s contro il vitalizio in Regione

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

#iorinuncio. Davide Bono, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, lancia l’hashtag per chiedere l’annullamento del vitalizio per la sua categoria. «Se tutti i consiglieri (che sono 60, ndr) di Palazzo Lascaris seguissero il nostro esempio la Regione risparmierebbe complessivamente 62,5 milioni più altri tre di indennità di fine mandato» fanno sapere i grillini.
La proposta appare una grande novità, proclamata a gran voce come del resto gli esponenti del M5s sono soliti fare, ma nei fatti non lo è. Qualche giorno fa, infatti, fu Eleonora Artesio di Federazione della Sinistra a chiedere di ridurre lo stipendio ai consiglieri di Palazzo Lascaris, ma solo Monica Cerutti, di Sinistra Ecologia Libertà assicurò che avrebbe votato sì. Bono, che non ha preso parte al voto, ritiene che una norma non sia necessaria e che, come lui rinuncerà al vitalizio, così possono farlo gli altri 59 consiglieri per cui, promette, ha già preparato delle lettere.
Ma come funziona l’annosa questione della pensione a vita dopo l’elezione in Regione? Ogni consigliere ce l’ha garantita, purché sia rimasto almeno cinque anni nelle stanze di Palazzo Lascaris. In caso contrario, però (e qui il pensiero corre all’attuare legislatura guidata dal leghista Roberto Cota), si è rimasti in Consiglio un minimo di 30 mesi (meno di tre anni), si può continuare a versare i contributi e ottenere così il vitalizio. E non si parla certo di briciole: si va dai 2089 euro lordi al mese ai 7560 euro lordi, in base a quanto tempo è durato il proprio mandato.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano