15.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Inchiesta Murazzi, Comune non è parte civile

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Il Comune di Torino non è tra le parti civili del processo di primo grado per i presunti favori ai gestori dei locali dei Murazzi. Il dibattimento è iniziato oggi a Palazzo di Giustizia in seguito all’inchiesta condotta dal magistrato Andrea Padalino che contesta l’abuso di atti d’ufficio a 14 persone per fatti risalenti al 2009. tra gli imputati anche l’ex city manager Cesare Vaciago e l’ex assessore al commercio Alessandro Altamura.
Intanto proprio oggi la giunta comunale ha dato il via libera al progetto per la concessione delle arcate dei Murazzi ad attività commerciali secondo il piano presentato dall’assessore al bilancio Gianguido Passoni.
L’obiettivo quello di consentire la riapertura delle arcate del Lungopo entro l’estate e quindi con il mese di marzo i bandi di assegnazione, con valenza di sei anni e rinnovabili per altri sei. Intanto il Comune provvederà a un nuovo impianto di illuminazione dell’area e a una zona che servita da wi-fi gratuito.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano