-0.4 C
Torino
venerdì, 28 Gennaio 2022

Il trapianto di capelli: cosa è e perchè conviente

Più letti

Nuova Società - sponsor

Capelli diradati e calvizie sono un problema che affligge molte persone e in molti casi rappresenta un motivo di imbarazzo che porta a cercare soluzioni per nasconderle. Tra queste la più efficace è di sicuro il trapianto di capelli.

Esso consiste in un vero e proprio intervento chirurgico in cui si trasferiscono i follicoli piliferi prelevati dalla parte posteriore o laterale della testa all’area in cui sono presenti calvizie. L’intervento avviene in anestesia locale e richiede anche diverse ore a seconda di quanto è estesa la superficie da coprire. 

A chi conviene il trapianto di capelli? 

Il trapianto di capelli ripristina la crescita con risultati naturali. Per questo è l’ideale per chi ha stempiature, o è affetto da corona calva e più in generale per le calvizie maschili. Ma non in tutti i casi. 

Infatti il risultato è migliore per chi rispetta alcuni parametri: ad esempio, la perdita di capelli deve aver raggiunto almeno la Fase 2 della Scala Norwood. Inoltre si deve soffrire di perdita di capelli da più di 3 anni con una caduta ormai stabilizzata ma con capelli sul retro e sui lati abbastanza folti da permettere di estrarre i follicoli. 

Metodo FUT o metodo FUE

Sostanzialmente esistono due metodi differenti per il trapianto di capelli. Il primo si chiama metodo Fut o metodo a strisce. In questo caso si tratta di rimuovere una striscia di cuoio capelluto da un’area per trapiantare i follicoli lì presenti nella zona delle calvizie. 

Il secondo metodo invece si chiama Fue che significa Follicular Unit Extraction. Perchè in questo caso il chirurgo estrae uno a uno i follicoli attraverso uno speciale micropunch per poi innestarli nell’area oggetto dell’intervento. 

Nel primo caso l’intervento Fut comporta una cicatrice là dove viene prelevato il cuoio capelluto, mentre l’intervento Fue non lascia grandi cicatrici ma comporta un più lungo impiego di tempo. 

Perchè vale la pena sottoporsi a un trapianto di capelli?

Il trapianto di capelli è uno degli interventi che sta diventando molto diffuso e anche molto conosciuto visto che tante celebrità sono ricorse a questa pratica e c’è chi ne ha fatto un business, come Cristiano Ronaldo che in Portogallo e Spagna ha aperto varie cliniche dedicate a questo intervento. 

Di sicuro il trapianto è l’unico metodo efficace per riuscire ad avere una vera ricrescita dei capelli, duratura nel tempo. Chi ha provato ha notato che le aree prima calve sono tornate dense di capelli. Certo, non si tratta di una soluzione definitiva ma vanno previsti dei follow-up periodici ed è possibile che sia necessario intervenire nuovamente. Ovviamente, con un chirurgo qualificato i metodi attuali offrono risultati duraturi nel tempo e alte percentuali di successo. Inoltre, nonostante sia un intervento lungo, che può durare anche sei o otto ore, non ha grandi effetti collaterali se non un po’ di fastidio nei giorni successivi all’intervento. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano