14.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Il terno al lotto del dicembre 1990: I numeri giusti di un successo incontrastato

Più letti

Nuova Società - sponsor

Non c’è lotto senza Lottomatica e, senza di essa, verrebbe anche a mancare una buona fetta delle entrate prodotte dal gioco d’azzardo in Italia. La compagnia, fondata il 6 dicembre 1990 a Roma, è un magnate completamente Made in Italy, che da anni domina le classifiche delle piattaforme preferite dagli italiani per giocare e scommettere su eventi sportivi.

Da quando nel 1993 ha ottenuto la concessione da parte dello Stato per il gioco del Lotto, in aggiunta a quella arrivata nel 2003 per le lotterie istantanee (i famosi Gratta e Vinci) e differite, le sue azioni in borsa, così come la sua fama, non hanno fatto altro che crescere.

Ad oggi, Lottomatica è diventata un punto di riferimento a livello nazionale ed estero. Nella classifica internazionale per rating ESG stilata da Sustainalytics, si è anche aggiudicata il primo posto tra le 90 della categoria “Casinò” e il secondo in quella “Consumer Services”.

Una storia intricata

Tra gli effetti della recente espansione dell’industria del gambling, non ci sono solo i guadagni in costante aumento. Un’altra delle tendenze è quella della fusione tra più gruppi e società, come nel caso di Lottomatica.

Nel 2015 si unisce a IGT, uno tra i più importanti gruppi statunitensi. Recentemente, il mercato dei giochi e delle scommesse nostrano ha subito un altro scossone, dopo la cessione da parte della sussidiaria IGT Lottery di tutte le azioni di Lottomatica Scommesse e Videolot Rete al Gamnet Group.

Gestito Gamma Bidco, società affiliata al fondo americano Apollo Global Management, il gruppo aveva inoltre già acquistato Goldbet, altro nome di rilievo nel settore. L’ultimo capitolo di questa complicata storia è, almeno per il momento, la nascita di GBO Italy S.p.A. formatasi in seguito alla fusione di Lottomatica Scommesse e Goldbet.

Lo storico marchio non va comunque perso, poiché Gamma Bidco ha deciso di modificare il proprio nome in Lottomatica, divenendo di fatto un insieme di società che propone ai propri utenti una gamma di giochi e servizi molto più ampia rispetto al passato.

Un catalogo di giochi in espansione

Come confermato dalle recenti valutazioni su Lottomatica, la decisione del colosso nazionale di introdurre nuovi elementi nel suo catalogo ha portato ottimi frutti. Infatti, è attualmente l’operatore con il fatturato maggiore e le quote di mercato più alte all’11.5%.

In questo periodo, come gruppo ha raggiunto i 4.257 milioni di euro nel versante online, secondo quanto riportato nei documenti disponibili sulla propria pagina ufficiale. La crescita generale è stata del +55%, di cui il massimo contributo deriva dalle new entry, per la precisione casinò games e poker, passati rispettivamente dai 1.731 e 46.5 milioni dello scorso anno ai 3.224 e 80 milioni di euro attuali.

Ciò nonostante, il fiore all’occhiello della proposta di Lottomatica rimane comunque l’area lotterie, grazie anche alla lunga tradizione di questi giochi. 

Lotto

Classe 1576 con origini genovesi, il Lotto è parte della cultura italiana con tanto di espressioni idiomatiche correlate. Ad esempio, il famoso modo di dire “dare i numeri” trova le sue radici nella pratica svolta in passato da maghi e chi come loro che consigliavano ai propri clienti i numeri da giocare.

O ancora il detto “fare un terno al Lotto” e la famosa smorfia napoletana, in cui si interpretano i sogni associando dei numeri a quello che accade nel mondo onirico. La Lottomatica ha perfino creato una sezione Smorfia sul proprio sito. Qui gli utenti possono inserire delle parole chiave per descrivere il sogno fatto, ottenendo poi i numeri corrispondenti da giocare nella schedina.

Gratta e Vinci

Travolti dalla digitalizzazione anche gli amatissimi Gratta e Vinci. Il loro funzionamento è così semplice che in poco tempo si sono diffusi a macchia d’olio arricchendosi di varianti e particolarità. Ora, è possibile grattar via la patina dei bigliettini della fortuna anche online tramite il sito o l’app di Lottomatica.

Fanno parte di quella categoria chiamata lotterie istantanee, poiché la combinazione vincente è riportata sul biglietto stesso, così come l’ammontare della vincita. Fecero la loro prima apparizione nel 1994 con la ‘Fontana della Fortuna’ e ad oggi le loro percentuali di vendita non si arrestano crescendo del 14%.

Conclusioni

Dal 1990, Lottomatica è sicuramente cambiata, non solo per quanto riguarda la gestione aziendale, ma anche i giochi offerti. Ciò che rimane è il suo impegno verso un gioco legale e pulito, fatto per chi gioca responsabilmente e tramite i canali ufficiali.

La nuova avventura iniziata dalla compagnia sul web ha cambiato il modo di approcciare e intendere il gioco d’azzardo da parte dei consumatori, senza però escludere quei giochi così tipici e amati dagli italiani. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano