10.1 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Il murales di Bobby Sands, Cassiani: "Simbolo di libertà"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È stato inaugurato oggi il murales nel Parco Dora di Torino in onore di Bobby Sands, nazionalista nord-irlandese morto nel 1981 in un carcere inglese durante lo sciopero della fame a oltranza, iniziato per protestare contro le condizioni disumane dei detenuti e oggi simbolo di libertà.
«É una bella iniziativa culturale che nasce da lontano» spiega il consigliere comunale Luca Cassiani, Pd. «Era il 2011 quando insieme al collega di Fratelli d’Italia, Maurizio Marrone, abbiamo deciso di firmare la mozione, perché Bobby Sands, è un’icona importante, di pace e libertà che va oltre il semplice valore politico».
«Inoltre – ricorda Cassini – è stata una bella iniziativa, realizzata con pochi soldi, (qualche migliaia di euro), nata proprio dalla collaborazione del Comune con la Consulta giovanile».
Nel murales del parco, sono tanti i simboli allegorici, dal quadrifoglio, simbolo dell’Irlanda all’allodola, simbolo di libertà e il comignolo che va a formare il suo cappello»
Il murales realizzato da Max Gatto, Ludwig Dolo, e dal basco Xtrom è frutto del progetto dell’associazione culturale Fiori di Ciliegio” in collaborazione con associazione di writers “Artefatti”, con il contributo città Torino e la Consulta regionale dei Giovani.
All’inaugurazione erano presenti gli assessori alla Cultura e alle Politiche giovanili Maurizio Braccialarghe e Ilda Curti e i promotori della mozione Luca Cassiani, presidente della commissione Cultura e il consigliere regionale e comunale di Fratelli d’Italia Maurizio Marrone.
«L’opera – come ha ricordato Marrone – ha molti riferimenti simbolici, dal giglio che ricorda l’insurrezione irlandese del 1916, l’allodola che rappresenta gli ideali di libertà e l’arcobaleno che rappresenta invece la pace».
«Bobby Sands – ha aggiunto Cassiani – è un simbolo per tutti quelli che lottano per la libertà, al di là della convinzioni politiche». L’iniziativa cade in concomitanza con l’anniversario dalla domenica di sangue (Bloody Sunday), del 1972, quando i paracadutisti inglesi spararono a Derry, in Irlanda del Nord su una marcia pacifica. Nell’immagine, oltre a Bobby Sands, le allodole che rappresentano gli altri 9 soldati dell’Ira (Irish Repubblican Army), anch’essi morti durante lo sciopero della fame.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano