12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Il format No Tav, buono da usare per tutte le stagioni…di terrore

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il No Tav è un bel format per media, dove la parola dissenso diventa sinonimo di terrorismo.
L’ex dirigente Rai, Carlo Freccero, durante il convegno, organizzato dal Controsservatorio Valsusa, su come gli organi di informazione si stanno occupando delle vicende legate alla Torino-Lione, ha spiegato come l’opposizione all’opera sia diventata fenomeno. «Il movimento No Tav – dice Freccero – esprime il dissenso delle popolazioni rispetto a un progetto approvato a livello centrale. Pertanto è un caso di insubordinazione alla volontà della maggioranza».
«Il semplice dissenso – continua – diventa sinonimo di terrorismo. Chi si difende anche se viene aggredito si trova dalla parte del torto, perché si è opposto all’ordine della maggioranza».
«Oggi viviamo nella contraddizione di una Costituzione che si fonda sui principi illuministi della difesa delle minoranze, ma che si cerca di applicare in modo contrario affinché la maggioranza possa esercitare quella che di fatto è una dittatura», conclude Carlo Freccero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano