17.6 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Le primarie piemontesi così tanto importanti per Sel

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Continua il mantra primarie di Sel, per le elezioni regionali in Piemonte. Mentre per il Partito Democratico, che vede alla guida Davide Gariglio, con un candidato come l’ex sindaco di Torino Sergio Chiamparino le primarie sono inutili, per l’alleato Sinistra Ecologia e Libertà invece bisogna procedere secondo copione.
«Le primarie, per la scelta del candidato di una coalizione che si propone di governare, sono uno strumento imprescindibile», spiegano i coordinatori regionale e provinciale di Sel, Nicola De Ruggiero e Nicoletta Cerrato.
«Questo strumento democratico – dicono – ha dimostrato in questi anni la sua validità e la sua efficacia nel coinvolgere i cittadini in una discussione aperta sulle linee politiche e programmatiche».
«Per queste ragioni crediamo che anche in Piemonte le primarie per la scelta del candidato a presidente di Regione siano lo strumento principe per la determinazione di linee politiche e programmatiche comuni – continuano da Sel – non è disponibile a rinunciare alla possibilità di consultare i cittadini elettori del centro sinistra nella scelta del candidato presidente».
«La disponibilità, generosamente espressa da Giorgio Airaudo è sicuramente, non solo una candidatura autorevole, ma l’espressione di una linea politica e programmatica che riteniamo importante si confronti con l’elettorato», concludono De Ruggiero e Cerrato.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano