16.4 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Il Comune di Cigliano fa “marcia indietro” sull’accattonaggio dopo l’intervento di Avvocato di strada

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Comune di Cigliano (VC), che voleva vietare ogni forma di accattonaggio, anche quello non molesto, ha ritirato l’ordinanza contro cui Avvocato di strada ha fatto ricorso al Presidente della Repubblica. Una vittoria per la nostra Associazione e per tutti coloro che si impegnano a dare voce a chi voce non ha.

Multare chi chiede l’elemosina senza dare fastidio a nessuno perché vive in una condizione di estremo disagio economico non è umano, ed è anche contro la legge. 

Secondo i nostri legali l’ordinanza emessa dal Comune di Cigliano presentava alcuni aspetti di criticità e per questo, come già fatto in altri territori, lo scorso settembre abbiamo deciso di impugnare l’ordinanza e di presentare un ricorso straordinario al Capo dello Stato. Un ricorso che non è arrivato a conclusione proprio perché il Comune di Cigliano, evidentemente resosi conto dell’illegittimità dei propri atti, nel frattempo ha ritirato l’ordinanza. 

Uno dei nostri obiettivi, con la nostra azione, è di sensibilizzare cittadini e istituzioni sui temi dei diritti in relazione a povertà ed esclusione sociale. Facciamo questo non solo attraverso atti legali, ma anche con pubblicazioni, progetti, convegni e corsi di formazione.  Siamo dunque felici di aver contribuito anche in questo caso a far tornare sui propri passi l’amministrazione comunale e a ristabilire la vera legalità: quella che rispetta i diritti di tutti, anche dei più deboli.

Il ricorso contro il Comune di Cigliano è stato un chiaro esempio di come fare rete sia il modo migliore per poter tutelare i diritti degli esclusi. 

Come infatti spiegano dalla sezione torinese dell’Associazione: «Dietro questa vittoria ci sono molte persone che hanno lavorato insieme, ciascuno dando un contributo essenziale: chi ha segnalato la violazione del diritto, chi ha studiato le carte, chi ha raccolto le firme, e così via: tutti hanno portato un mattone e insieme abbiamo costruito un muro a difesa di chi non ha voce».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano