13.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

I parenti delle vittime Thyssen: “Possiamo andare dai nostri ragazzi al cimitero e dire che c’è stata giustizia”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Avevano pianto per la rabbia dopo che il procuratore generale aveva chiesto di annullare le condanne. Ora si abbracciano: la Cassazione ha confermato la sentenza dell’appello bis. Sono i parenti delle vittime del rogo dello stabilimento Thyssen di Torino.
«E’ una vittoria, una vittoria per noi e per tutte le vittime morte sul lavoro», commentano le sorelle e le mogli dei sette operai morti a causa del rogo dopo il verdetto della Cassazione.
«Oggi ascoltando le richieste del pg abbiamo pianto di rabbia. Ora possiamo andare dai nostri ragazzi al cimitero e dire che finalmente c’è stata giustizia e ci sono pene severe, anche se il nostro dolore è per sempre», aggiungono.

«Se gli imputati sono stati condannati e’ perche’ non si poteva fare diversamente, le prove erano talmente chiare», continuano i familiari degli operai.

« Per fortuna tutto il lavoro che hanno fatto i magistrati della procura di Torino non è stato buttato nella spazzatura. Loro hanno avuto il merito di recuperare tante di quelle prove che la sola metà bastava per condannarli». E proprio Raffaele Guariniello, a capo del pool torinese, aveva detto ad uno dei familiari, con una telefonata, di avere fiducia nei giudici: «Mentre era in corso la camera di consiglio – racconta un parente – ho telefonato al procuratore Guariniello per avere un po’ di conforto. Lui ci ha detto di avere fiducia nei magistrati e ci ha consigliato bene perché effettivamente non c’era alcun motivo perché questo processo ritornasse nuovamente a Torino per un nuovo appello. Gli imputati già nel precedente secondo grado avevano beneficiato di sconti di pena e quindi non c’era alcun motivo perche’ si ritornasse a ricalcolare il “quantum” della condanna».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano