14 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Guariniello: “Soddisfatto per la sentenza Thyssen, ma ha ragione Renzi: processi troppo lunghi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

C’è molta soddisfazione nelle parole di Raffaele Guariniello, raccolte dall’Ansa, dopo la sentenza della Cassazione per l’incendio alla Thyssenkrupp a Torino.
Soddisfazione, ma anche una riflessione: nove anni per avere giustizia sono troppi. Lo aveva detto nel pomeriggio, dopo le richieste a sorpresa del procuratore generare che chiedeva un annullamento della sentenza di condanna. «Renzi ha ragione, processi lunghi», aveva detto il magistrato, che dopo la pensione è avvocato. Guariniello ha guidato come procuratore aggiunto il pool che portò avanti l’inchiesta dopo il rogo della Thyssen.
«Noi – spiega all’Ansa – chiudemmo le indagini in due mesi e 19 giorni. A tempo di record. Eppure il processo è andato avanti a lungo. Mi viene da dare ragione a Matteo Renzi quando dice che lui aspetta le sentenze».
«Sono le condanne più alte – dice tornando alla sentenza della Cassazione – mai inflitte per un incidente sul lavoro».
«Dalla notte dell’incendio sono passati nove anni. Un pezzo di vita. Ho avuto il tempo di dimettermi, di cambiare attività. E ancora sento parlare di un processo che io e i miei collaboratori avevano terminato di istruire all’inizio del 2008. Non ne faccio una questione di condanne, di rinvii, di entità delle pene. Questo è un problema di ordine generale su cui devono riflettere tutti. E il presidente del Consiglio, nel dire che lui “aspetta le sentenze”, coglie degli aspetti di verità. Arrivare a una sentenza definitiva è fondamentale. Lo Stato deve garantire risposte celeri».
«La lunghezza del processo Thyssenkrupp – va avanti Guariniello – non è dipesa da noi della procura di Torino. Ma voglio sottolineare che gli avvocati non c’entrano. E’ giusto che presentino i ricorsi. Fa parte del gioco. Solo che il gioco dura troppo».
Guariniello poi conclude: «Ma la procura generale non dovrebbe sostenere le ragioni dell’accusa? I giudici sono andati oltre le richieste del pg. Ed è già capitato in un altro mio processo. Io sostengo che il pm di primo grado dovrebbe essere applicato anche in appello e in Cassazione. Oggi nel caso Thyssenkrupp è come se si fossero invertiti i ruoli».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano