8.7 C
Torino
mercoledì, 28 Settembre 2022

Guerra in Ucraina, presidio di Potere al Popolo alla sede de La Stampa: “La disinformazione è un’arma”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Gli attivisti di Potere al popolo in presidio davanti alla sede de La Stampa in via Lugaro a Torino per protestare contro la gestione fatta dai media del conflitto tra Russia e Ucraina. 

“La disinformazione è un’arma in questo sporco conflitto: no alla guerra, fuori dalla Nato” recita lo striscione che i militanti hanno esposto davanti alla redazione del quotidiano torinese. 

“Dopo essere scesi in piazza in tutta Italia sabato, contro i venti di guerra in ucraina, – spiegano – oggi siamo di nuovo in presidio per denunciare la complicità dei media nell’alimentare la spirale di violenza. Le responsabilità dei media in questo conflitto infatti sono enormi: nel nascondere le mire espansionistiche della Nato, nel mistificare la realtà di un’esercito ucraino che da anni ormai bombarda le repubbliche di Donetsk e Lugansk, nel diffondere la paura della “minaccia russa” a tutto vantaggio dell’imperialismo Usa”.
“Noi non ci pieghiamo a questa narrazione a senso unico. Fermare questa guerra, che ci vogliono vendere come “inevitabile”, è possibile: fermare le spese militari, uscire dalla Nato, liberarsi dal tallone degli Stati Uniti” concludono da Potere al popolo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano