14.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Grugliasco, primo passo verso la Casa della Salute.

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il consiglio comunale di Grugliasco ha dato via libera al processo di dismissione dell’edificio dell’ex dazio in piazza 66 martiri a favore dell’Asl To3. Passo importante verso la realizzazione della prima Casa della Salute sul territorio.

“Parliamo di una struttura dove troveranno spazio, nello stesso luogo, i servizi territoriali che erogano prestazioni sanitarie, compresi gli ambulatori di Medicina Generale e Specialistica ambulatoriale – spiega il capogruppo del Partito democratico Pier Paolo Soncin – questo consentirà ai cittadini grugliaschesi di avere un punto di riferimento dove trovare medici di medicina generale per la gestione delle fragilità di tipo socio sanitario e delle cronicità”.

Un’approvazione importante, quella del Consiglio, se si tiene conto del periodo storico nel quale arriva: dopo mesi di pandemia che hanno messo a dura prova il sistema sanitario regionale è emerso il bisogno di presenza sul territorio a cominciare dai medici di famiglia ma anche da strutture che, per collocazione e organizzazione, saranno il primo interfaccia del paziente.

“L’esperienza drammatica vissuta a causa del Covid 19 può essere convertita in un incentivo a realizzare ciò di cui parliamo da tempo – aggiunge Soncin – non si può più intendere la sanità in quanto assenza di malattia o ospedalizzazione ma, piuttosto come educazione, prevenzione, osservazione e cura della persona. In un’esperienza quale quella del Coronavirus, il contenimento del contagio è stato più efficace laddove abbiamo avuto una presenza sanitaria territoriale ben radicata. Da qui dobbiamo ripartire”.

Una riflessione a parte, Soncin la riserva al paziente “cronico”, il quale “deve rimanere centrale e percettibile poiché è il problema dei problemi, il tema dominante ove si giocherà la grande partita della sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale. E lo strumento della Casa della Salute va proprio in questa direzione”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano