12.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Grugliasco, blitz neonazista contro la Casa del Popolo “Enrico Berlinguer”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Blitz neonazista a Grugliasco, dove la sede della sezione del partito dei Comunisti Italiani “Antonio Gramsci” – Casa del Popolo “Enrico Berlinguer” è stata imbrattata con svastiche e scritte nere inneggianti al Duce.
Dura la condanna da parte della sezione di Grugliasco dell’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) in un comunicato stampa.
«Un’azione inaccettabile nella nostra città, antifascista e partigiana – scrivono – Un attacco simile non si verificava a Grugliasco dal 4 dicembre 1969 quando i fascisti tentarono di incendiare la sede dei comunisti in piazza 66 Martiri, e si aggiunge ai troppi pestaggi e alle troppe aggressioni in aumento su tutto il territorio nazionale, quasi sempre a mano armata, di neofascisti e neonazisti che sfogano sugli antifascisti le loro idee vigliacche e violente nel nome della pulizia etnica e sociale delle comunità, ripudiando la solidarietà sancita nella Costituzione».
Le cause alla base di questi fenomeni sarebbero molteplici: «Revisionismo politico della storia in senso antipartigiano; equiparazione tra fascisti e antifascisti da parte delle istituzioni; sdoganamento e tolleranza di forze fasciste e naziste sui territori; progressivo e crescente distacco dai valori della Costituzione accompagnato dalla mancanza di senso civico; imbarbarimento della società a causa della crisi strutturale e sistemica del capitalismo».
Per concludere: «I mentecatti nostalgici di un vergognoso passato, propugnatori di un mondo di sfruttatori e sfruttati, approfittano del clima a loro favorevole generato dalle politiche liberiste e antioperaie per commettere le loro solite vili azioni contro le sedi dei Partiti che sono stati protagonisti dell’emancipazione della classe lavoratrice».

@ElisaBellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano