7.6 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Gigi D’Alessio alla “Festa de L’Unità” di Torino. Nel Pd è polemica

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Era nell’aria. Prima le ormai consuete battute sui social, ora invece la polemica sulla presenza del cantante napoletano Gigi D’Alessio sul palco della “Festa de L’Unità” di Torino diventa politica, aprendo una accesa discussione all’interno del partito.

Il vicepresidente del Pd nel capoluogo piemontese, Raffaele Bianco, ha chiesto che il partito revochi l’invito all’artista, atteso sabato sera a un dibattito sul diritto d’autore (dopo Fedez anche D’Alessio ha lasciato la SIAE).  «Sui giornali di oggi – spiega Bianco – salta all’occhio una vicenda riguardante Gigi d’Alessio che parrebbe legata a debiti e a episodi da chiarire in sede giudiziaria. Il cantante sembrerebbe coinvolto in vicende di pignoramenti, debiti, libretti auto falsi, transazioni poco limpide, ipoteche».

«Penso che alla luce di questa situazione poco trasparente – prosegue Bianco – il Partito Democratico non possa far finta di niente chiudendo un occhio. Bisogna ritrovare il coraggio d’indignarsi e revocare l’invito. Sono stato il primo a sostenere l’utilità di invitare il cantante, pur vicino al centrodestra. Penso però che i fatti riportati oggi collidano col codice etico del Pd che deve improntarsi sul riformismo, ma che deve comunque mantenere intatta la capacità di indignarsi». Mentre il segretario provinciale, Fabrizio Morri, preferisce non commentare, su Facebook si sono formate due fazioni.

Gigi D'Alessio con Silvio Berlusconi e Gianni Lettieri
Gigi D’Alessio con Silvio Berlusconi e Gianni Lettieri

L’intervista a cui fa riferimento Bianco è uscita sul Corriere della Sera, ma Gigi D’Alessio, che in passato non ha mi nascosto le sue simpatie per il centrodestra e per Silvio Berlusconi, era già finito nell’occhio del ciclone durante l’inchiesta “Mafia Capitale”, per presunte amicizie con uomini legati a Massimo Carminati, in particolare con Giovanni De Carlo, detto “Giovannone”.

Accuse da cui il cantante, come era accaduto per le voci su legami con boss della camorra, si è sempre difeso. Anche in sedi giudiziarie: «Sono una persona seria e ho la fedina penale pulita – dichiarò a tempi in cui venne ascoltato in Procura come persona informata dei fatti nell’inchiesta Mafia Capitale – Ho già sporto 36 querele e non ho intenzione di ritirarne nemmeno una. Ho sempre lavorato per chiunque mi ingaggiasse – ha spiegato – L’ho fatto anche per il Papa. Se è per questo, e per lo stesso principio, dovrei essere in odore di santità».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano