0.8 C
Torino
venerdì, 4 Dicembre 2020

Fornari (M5s): “Regione Piemonte mantenga le promesse, libera circolazione ai veicoli di interesse storico”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il consigliere comunale a Torino del Movimento Cinque Stelle, Antonio Fornari, chiede che sulla “libera circolazione ai veicoli di interesse storico”, la Regione Piemonte mantenga la parola data.
“Ad ottobre scorso – spiega Fornari – l’assessore regionale Marnati aveva dichiarato di voler correggere la “svista tecnica” alla delibera regionale sui blocchi del traffico, con una deroga per i veicoli storici. Sono passati mesi, è arrivata l’emergenza Covid ma delle promesse dell’assessore leghista nemmeno l’ombra. I veicoli storici certificati in Italia non sono neanche lo 0,8% del parco circolante”. 
Continua Fornari: “I Registri storici hanno lavorato per salvare questo patrimonio. Un lavoro per premiare la fatica e l’impegno di appassionati che hanno investito risorse e tempo con un solo obiettivo: l’orgoglio di un territorio riferimento mondiale del design, della creatività e dell’industrializzazione. Chiuderanno centinaia di aziende impegnate nel restauro, nella conservazione, nella manutenzione di questi rari veicoli. Solo in Piemonte questo vuol dire perdere un indotto da milioni di euro all’anno, senza contare i raduni e tutto il turismo collegato.
“Si intervenga subito per salvare un patrimonio storico”, conclude il consigliere comunale di Torino, Antonio Fornari
Qui la petizione

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

A Torino buoni spesa per le famiglie in difficoltà per il Covid dal 9 dicembre

Il Comune di Torino si prepara a distribuire nuovi buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa della seconda ondata Covid....

Covid, primo giorno di lavoro in Piemonte per i medici arrivati da Israele

I medici provenienti da Israele subito al lavoro in Piemonte per dare una mano contro il Covid nell'ospedale di Verduno.La delegazione medica...

Dpcm di Natale, Appendino: “Condivisibile nell’ottica di tutelare sicurezza”

“Non voglio commentare Dpcm che non sono ancora usciti, perchè in questo modo creiamo solo confusione nei cittadini, che hanno bisogno di...

ZTL sospesa fino al 9 gennaio

Prosegue la sospensione della Ztl a Torino. La sindaca Chiara Appendino ha firmato l'ordinanza che prolunga fino al 9 gennaio 2021 la...

Covid, in Piemonte test rapidi per il parenti degli anziani Rsa

Per le feste di Natale dalla Regione Piemonte i test rapidi Covid per chi va a trovare i parenti nelle Rsa del...