18.6 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Forconi, l’ultimatum del 9 dicembre preoccupa: si indaga

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non sono passate inosservate le parole del leader dei forconi piemontese Riccardo Visetti e i volantini del “Coordinamento 9 dicembre”. La polizia, infatti, sta indagando per capire se ci sono estremi di reato. Siamo alle vigilia della manifestazione di venerdì 5 dicembre, che porterà in piazza, a Torino come in altre città, il movimento dei forconi, che il 9 dicembre scorso paralizzò la città.
Ma, come detto, a preoccupare sono le parole usate e soprattutto quel fantomatico ultimatum che i forconi lanciano a Roma. Come ha detto ieri Riccardo Visetti in seguito al suo arrivo in elicottero alla conferenza stampa di Casale Monferrato per presentare il ritorno dei forconi, dopo il tramonto di martedì 9 dicembre «scatterà il nostro ultimatum al governo di sciogliere le Camere».
Agli investigatori interessano anche i cosiddetti piani segreti. E l’operato della propaganda del movimento del 9 dicembre è seguito attentamente anche dalla Procura di Torino.

@ElisaBellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano