8.5 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Flexicurity, mercoledì 30 maggio se ne parla in via Leoncavallo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Mercoledì 30 maggio, alle 19.30, la sala polivalente della Circoscrizione 6 di via Leoncavallo 23, ospiterà l’incontro “Le sfide della flexicurity – diritti e opportunità”.
Al banco dei relatori Emmanuele Massagli, presidente Adapt Centro Studi Marco Biagi, Davide Franceschin di Nidil Cgil, Annamaria D’Angelo della Uil Temp, Alessandro Lotti di Felsa Cisl, Giuseppe Garesio amministratore delegato Synergie, l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e il segretario metropolitano del Partito Democratico Mimmo Carretta.
L’incontro, che verrà moderato da Malvina Brandajs, dopo i saluti iniziali del presidente della Circoscrizione 6 Carlotta Salerno e del segretario del Circolo Pd della 6 Tony Ledda, sarà introdotto da Elena Ceretto, del dipartimento organizzazione del Partito Democratico torinese .
«Dobbiamo ripartire, ce lo dicono i fatti, e dobbiamo farlo dal confronto e dall’ascolto, ma anche dallo studio e dall’approfondimento», spiega Elena Ceretto.
«Per questo – continua Ceretto – tra i tanti appuntamenti che ci sono ogni settimana, abbiamo costruito un incontro attorno al tema lavoro e nello specifico attorno alla flexicurity».
Per l’esponente Dem «nel tempo in cui ci viene richiesta la massima flessibilità senza però coniugarla con la certezza economica e la sicurezza a 360 gradi, quali sono le risposte concrete che possiamo dare? Quali le proposte che vogliamo che chi ci rappresenta porti avanti?»
«Nel Paese che si concentra rassegnato sul reddito di cittadinanza possiamo ancora dire che il nostro primo desiderio è poter lavorare, ma farlo a condizioni dignitose, costruiamo insieme un futuro che parli di sviluppo», conclude Elena Ceretto.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano