16.4 C
Torino
sabato, 18 Maggio 2024

Festa de L’Unità, Carretta e Mazza: “Il Pd riparte strada per strada”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Rosanna Caraci
Rosanna Caraci
Giornalista. Si affaccia alla professione nel ’90 nell’emittenza locale e ci resta per quasi vent’anni, segue la cronaca e la politica che presto diventa la sua passione. Prima collaboratrice del deputato Raffaele Costa, poi dell’on. Umberto D’Ottavio. Scrive romanzi, uno dei quali “La Fame di Bianca Neve”.

Viaggiare, superando le buche più dure. Rallentare per poi accelerare. Dopo il lockdown la politica del Partito Democratico sente la necessità di dover ripartire e lo fa accendendo il motore di un pulmino che seguirà un vero e proprio percorso urbano ed extraurbano, fatto di fermate dove a salire e scendere saranno idee, confronto, voglia di parlare del territorio e di contribuire a un programma condiviso in vista delle elezioni del prossimo anno a Torino. Ma non solo: sarà il momento per riappropriarsi della politica ragionata e condivisa, dando libertà alle proprie idee e opinioni, nel rispetto delle norme anticovid attraverso un vero e proprio tour. La Festa de L’Unità 2020 si sarebbe dovuta tenere a luglio con l’ambizioso programma di costruire un programma adatto al futuro candidato sindaco per Torino 2021, ma per l’emergenza sanitaria è stata annullata. C’era però la volontà di mettere a frutto mesi di confronto politico che non si sono mai spenti. Ed ecco l’idea di salire sul pulmino.
“Insieme con Claudio Cerrato, Elena Ceretto e Diego Simioli che ci hanno dato un grande contributo nonostante il periodo coincidesse con le ferie, siamo riusciti a organizzare una Festa completamente nuova e in pieno rispetto delle norme di sicurezza anticovid – annuncia Saverio Mazza, responsabile organizzativo del Partito Democratico Metropolitano – . Organizzare l’evento nel modo tradizionale non sarebbe stato possibile”.
I dibattiti non saranno molti, rispetto agli ottanta che si organizzavano in passato.
“Oggi ne prevediamo circa una ventina, ed è importante sapere che la partecipazione sarà strettamente contingentata –  spiega Mazza – . All’ingresso verrà controllata la temperatura corporea, tutti dovranno avere la mascherina, per chi non potrà accedere agli incontri sarà possibile seguirli on line, su Spazio aperto, la nostra webtv che, nata proprio nel periodo del lockdown ha dato risultati ottimi di partecipazione e ascolto”. Per chi purtroppo non troverà posto, Saverio Mazza precisa “Non escludiamo di allestire uno schermo, a ridosso dell’area dove si tiene il dibattito, dove le persone sempre nel rispetto del distanziamento possano ascoltare”.
“Noi siamo negazionisti delle stupidità espresse nella manifestazione di Roma  – rimarca con forza il segretario metropolitano Mimmo Carretta – e ci atteniamo scrupolosamente a tutto ciò che garantisce sicurezza.
La formula scelta per i confronti sarà quella della “tavola rotonda”, alle quali ciascuno potrà scegliere di portare il proprio contributo.
“Volevamo ripartire. Quale occasione migliore se non quella di farlo con un pulmino? – osserva il segretario – . Abbiamo fatto in modo di trasformare il distanziamento a cui siamo costretti in un’opportunità per generare prossimità di persone, di idee e di valori. Fare la politica è andare tra le persone. Noi ci andiamo in un momento di massima difficoltà per la società e per i partiti, attraverso lo strumento di nostro massimo confronto interno, e non solo, che è quello della Festa de L’unità”.
La Festa de l’Unità in tour avrà delle tappe cittadine, si parte giovedì 10 dallo Sporting Dora dove il pulmino stazionerà fino al13 settembre, poi il 17 e il 18 tappa al circolo Dravelli, a Moncalieri. E poi si riparte, prevedendo fermata al Circolo Risorgimento dal 24 a 27 settembre. Ci saranno tappe extraurbane che verranno comunicate. Laddove non basteranno le strade d’asfalto e le piazze reali, subentreranno in aiuto i canali del web, Spazio Aperto su Facebook e su You Tube.
“E’ una festa che si sviluppa giorno dopo giorno e che nasce dal basso, dal lavoro di elaborazione che è stato portato avanti non solo nei circoli ma anche nei forum, tanto è vero che nei dibattiti gli argomenti trattati sono quelli che sono giunti dall’incrocio di incontri e riflessioni, di desiderata e suggestioni – spiega ancora il segretario Carretta – . I nostri referenti politici, i responsabili di circolo e di segreteria, presenteranno quella che è la nostra idea su trasporti, cultura, sport, salute e abbiamo invitato tutti coloro che hanno dato una mano all’elaborazione, le associazioni datoriali, di categoria, il mondo dell’associazionismo, i sindacati. Sono tutti invitati ad ascoltare e ad offrire un ulteriore contributo quello che è un percorso complicato, difficile ma che stiamo portando avanti con serietà che rende orgogliosa una forza riformista come quella del Partito Democratico”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano