12.9 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Infermieri, Nursind: “ASL To3 indica concorso”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Con una lettera indirizzata al Direttore Generale del San Luigi Gonzaga Claudio Baccon e al Direttore Generale ASLTO3 Flavio Boraso, Nursind il Sindacato Professionisti Infermieristiche, chiede l’immediato espletamento del concorso per infermieri a tempo indeterminato pubblicato in gazzetta il 11/02/2020 e mai effettuato. 

Secondo quanto denunciato dal sindacato, infatti, l’azienda sanitaria avrebbe deciso di sospendere il concorso per via della pandemia senza che ci fosse nessuno stop allo svolgimento nei provvedimenti nazionali.

“Dalla fine dell’emergenza abbiamo atteso fiduciosi per mesi che il concorso venisse espletato, ma non solo ciò non è accaduto” commenta il segretario di Nursind Giuseppe Summa, che prosegue: “abbiamo appreso che proprio nei giorni scorsi l’ AOU San Luigi Gonzaga ha bandito un avviso per soli titoli per 20 posti a tempo determinato. Comprendiamo la necessità impellente nel voler procedere rapidamente a colmare la carenza di personale che da mesi denunciamo negli ospedali Piemontesi e per poter far fronte alla riorganizzazione ospedaliera legata all’emergenza covid, ma pretendiamo risposte nel rispetto dei partecipanti che da mesi attendono e che hanno versato anche 10€ per potersi iscrivere. Oltre al danno anche la beffa”. 

“La carenza di personale nelle due Aziende è importante. Riceviamo continue segnalazioni di criticità da numerosi servizi del San Luigi e dell’ ASLTO3. Non è più pensabile dare risposte con assunzioni a tempo determinato che aumenteranno ulteriormente il lavoro precario. È ora di procedere con un concorso a tempo indeterminato per coprire il normale turnover, rispondere all’incremento dei posti letto di terapia intensiva/subintensiva e adeguarsi a quanto previsto dai vari provvedimenti nazionali in ambito sanitario. Se ciò non dovesse avvenire in tempi brevi, Nursind metterà in atto tutte le azioni di protesta previste dalle norme” conclude Summa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano