26.8 C
Torino
venerdì, 3 Luglio 2020

Zip, un laboratorio di periferia

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

C’è chi dice di voler partire dalle periferie e chi invece lo fa sul serio. E non per qualche tornaconto particolare, ma perché mosso da passione, curiosità, entusiasmo e competenza. Si tratta di Zip, un laboratorio di progettazione partecipata nato nella periferia nord ovest di Torino. «È stata una sorta di innamoramento a prima vista» racconta Clara Garofalo, una della componenti del gruppo. «Ma non ha nulla a che vedere con la classica visione romantica del degrado e della marginalità -continua- quello che fin da subito mi ha colpito di questa zona è stata la sua bellezza architettonica».

Laboratorio Zip nasce nel 2013 all’interno della Circoscrizione 5 che comprende i quartieri di Vallette, Lucento e Madonna di Campagna. È composto da giovani, studenti, architetti, grafici, assistenti sociali ed ha l’obiettivo di elaborare degli strumenti per indagare la città e riattivare, dal basso, forme di partecipazione e recupero di spazi in disuso.

- Advertisement -

Camilla Falchetti, attivista di Zip, tra le mani tiene la locandina della prima proiezione: «siamo partiti cercando di costruire delle reti fra diverse realtà, come abbiamo fatto per organizzare il Cineforum di Quartiere in cui hanno collaborato il Centro di Documentazione Storica che ha sede presso il Centro Culturale Principessa Isabella, la Casa di Quartiere e l’Associazione Nazionale Museo del Cinema».
Da qui la scelta del nome “Zip” che, come una cerniera, unisce e connette le zone ai margini della città.

- Advertisement -

L’ultima iniziativa del gruppo di ricerca è “Laboratorio Vallette”, un percorso di circa due mesi che terminerà a giugno con una presentazione aperta al quartiere. Il laboratorio è finalizzato ad elaborare, con gli abitanti, una proposta di riutilizzo dell’ex complesso scolastico Don Orione Quasimodo progettato da Gabetti e Isola, attualmente sede dei Giudici di Pace. Pensare, dunque, una nuova destinazione d’uso della struttura attraverso un percorso di progettazione partecipata.

«Si tratta di un bene di notevole valore storico, sociale e culturale» spiega Clara. «Così come gran parte della zona. Pochi sanno infatti che Vallette, quartiere scarsamente studiato e conosciuto, relegato ai margini quasi fosse un problema sociale, rappresenta uno dei lavori di edilizia popolare di alta qualità progettuale più interessanti elaborati in Italia negli anni cinquanta-sessanta» aggiunge.

Qual è allora la ragione dell’attuale abbandono della zona? Si tratta infatti di un progetto non concluso. Doveva essere una sorta di “città satellite”, dotata di tutto ciò di cui necessità una comunità. E invece sono state costruite solo case, senza alcun tipo di sevizi cosicché gli abitanti, per vivere, si trovano di fatto costretti a raggiungere il centro città, utilizzando Vallette come una sorta di dormitorio.

È proprio a partire da queste riflessioni che si struttura il “Laboratorio Vallette”. «Prima di agire su un bene all’interno di uno spazio urbano è necessario studiare il territorio, non solo da un punto di vista architettonico, ma anche storico e sociologico. E per far questo è fondamentale parlare con chi quello spazio lo vive» puntualizza Camilla.

«Indagare Vallette, per noi, non significa soltanto conoscere il quartiere ma sperimentare, dal basso, nuove forme di protagonismo dei cittadini individuando e riattivando gli spazi in cui si riconosce la comunità» spiega Clara mentre sfoglia gli appunti degli incontri di LabZip.

Un esempio che mostra come la riqualificazione delle periferie non passi necessariamente dal proporre grandi piani e varianti ma da percorsi di inclusione e partecipazione della cittadinanza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ogr, Cirio: “Per martedì un incontro, troveremo soluzione”

A seguito delle polemiche sulla rilocazione del Covid Hospital inserito all'interno delle Officine Grandi Riparazioni,oggi Il il presidente della Regione Piemonte, Alberto...

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l'intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che...

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei "violenti e facinorosi". Così è stato deciso da un provvedimento, definita...

Torino 2021, la Lega pronta a governare la città

La Lega torna in strada a Torino. Dopo i mesi di lockdown che hanno costretto allo stop delle iniziative sul territorio parte...

Prodi: “Non serve lo scontro generazionale per costruire un futuro su basi solide”

“E’ solo dalla proposta, dai contenuti che può nascere una classe dirigente. Il generico cambiamento non rinnova le cose”. Con la consueta...