17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Elezioni, Pd: "Una giornata cambia tutto". Destra oltre le aspettative

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I risultati erano abbastanza attesi e da sabato il panico era arrivato nelle stanze, prima fiorentine poi romane al Nazareno, del segretario Matteo Renzi. Ma la destra, quella populista e più ruvida nel messaggio, è andata al di là, ma proprio al di là, di qualsiasi aspettativa. Adesso sono in tanti a prevedere alle 17 una reazione netta di Renzi, si parla di dimissioni e a farlo trapelare sono stati alcuni del suo entourage ristretto. Quasi a rivedere una scena già vissuta dopo il referendum costituzionale. Approccio diverso, scontato per chi lo conosce, sarà quello del vertice del Pd piemontese: Davide Gariglio, da ex democristiano, sostiene da sempre che non ci si dimette mai e in caso di buriane meglio aspettare che passino, senza fare nulla. Ma questa volta è difficile immaginare che la vecchia regola della defunta balena bianca possa andar bene. E conoscendo lo stile di Gariglio sono in tanti a storcere il naso.
La notte è stata lunga nella sede del Partito Democratico, la conta è stata al cardiopalma per la parlamentare uscente Paola Bragantini. Si è fatto tardissimo, la porta di via Masserano a Torino si è chiusa dopo le 6, ovviamente le facce erano appese, l’unico soddisfatto tra i presenti è Andrea Giorgis, arrivato in partito a conti quasi conclusi e con la sua vittoria ormai certa. Gli altri due eletti certi non si sono fatti vedere, Mauro Laus e Stefano Lepri hanno preferito restare a casa.
Una giornata così cambia tutto”, dichiara un dirigente del Partito democratico piemontese, il riferimento al segretario Gariglio è chiaro, anche se non lo cita direttamente. I sondaggi degli ultimi giorni avevano preoccupato tutti i democratici, rimbalzavano sui telefoni le cifre, ma la debacle democratica è stata netta e solo in parte arginata a Torino dal risultato dei tre eletti.“Ora non possiamo fare come se non fosse successo nulla”, lo afferma amareggiato un altro dirigente del Pd torinese. Il clima che si respira è di quelli pesanti, simili a quelli che si sentono prima di una resa dei conti interna, tanto più che ci si avvierà al congresso regionale.
Si è affermata una volontà popolare netta, l’affluenza lo dimostra: gli italiani, i piemontesi, nella sua stragrande maggioranza, vuole più destra. E non la vuole in stile Merkel, preferisce il populismo rabbioso, antivaccinista, chi si oppone allo Ius Soli e alle unioni civili, insomma vedremo trionfalmente insediarsi una destra identitaria forte, non sfumata. Vedremo se dall’opposizione il Pd democratico saprà riorganizzarsi, senza lacerarsi ulteriormente. Magari la sinistra, quella che si è sentita detentrice del “vera”  essenza progressista si ravvedano vista la marginalità del progetto. Chissà magari questo terremoto porterà consiglio.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano