16 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

“Cota squatter”, tuona Placido in Consiglio Regionale. Lavori sul bilancio sospesi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il tempo dell’ennesima accesa polemica e il Consiglio Regionale piemontese si aggiorna. Altro che discutere del bilancio e della finanziaria. A Palazzo Lascaris va ormai di moda sospendere e riviare le sedute. E come potrebbe essere il contrario? Come potrebbero andare avanti i lavori dopo che è stato provato che la giunta Cota è abusiva. Se qualcuno se lo fosse dimenticato, ci pensa con un cartello a ricordarlo. Il discusso presidente della Regione spunta in aula poco dopo mezzogiorno e Roberto Placido, consigliere del Partito Democratico, alza la scritta “Cota abusivo”.
«Una maggioranza ormai allo sbando e senza regia – dice il capogruppo in regione del Pd Aldo Reschigna – sta portando la regione Piemonte sempre più vicina al baratro. Un baratro che pagheranno i cittadini perché senza bilancio non ci sarà alcuna garanzia sulle risorse su cui potranno contare enti, imprese, associazioni, cittadini stessi».
Ma è ancora Michele Giovine, condannato in Cassazione per le firme false portate in dote a Cota, a farla da padrone. In fondo è la prima seduta del Consiglio dopo la sentenza del Tar, che di fatto annulla le regionali del 2010, e si deve parlare della decadenza del consigliere dei “Pensionati per Cota”.
Proprio su questo punto la maggioranza si spacca. Il capogruppo di Fratelli D’Italia, Franco Botta, che si è dimesso da relatore di Bilancio e Finanziaria 2014, pare non sia convinto che spetti al Consiglio regionale sancire la decadenza. Non è dello stesso avviso Mario Carossa, capogruppo della Lega Nord. Così bisogna sospendere la riunione della Giunta, affinché la maggioranza abbia le idee più chiare.
Tra Botta e Reschigna sono scintille, con il primo che minaccia querele perché l’esponente del Pd parla di potere ricattatorio di Giovine nei confronti della maggioranza.
Ma torniamo all’abusivismo del centrodestra: «Cota – spiega Placido, innalzando un cartello che definiva il presidente “abusivo” – È uno squatter che occupa abusivamente il palazzo del Governo regionale».
Stop. Lavori chiusi per oggi.
Il Consiglio regionale torna a riunirsi giovedì e venerdì tutto il giorno, e giovedì per cercare di approvare il Bilancio regionale 2014 prima della scadenza dell’esercizio provvisorio il 31 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano