17.3 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

“Cosa resta della democrazia rappresentativa?”, ne parla Valentina Pazè

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di B.B.M.

Astensionismi, antipolitica e distacco dai sistemi della rappresentanza. Questo il quadro italiano secondo Valentina Pazè, professoressa di Filosofia Politica di Governo all’Università degli Studi di Torino. Ed è proprio la risposta a queste domande che Pazè ha cercato nel suo nuovo libro “Cittadini senza politica. Politica senza cittadini” (Edizioni Gruppo Abele, 2016, collana i Ricci).

Il libro verrà presentato il prossimo lunedì 21 novembre alle ore 17.30 presso il Centro Studi Sereno Regis (Sala Poli, via Garibaldi 13, Torino).

«Siamo alla fine della democrazia rappresentativa, fondata su un rapporto di osmosi tra i cittadini e i loro rappresentanti? – si chiede Valentina Pazè – Gli elettori disertano le urne, i partiti si svuotano di iscritti e di militanti, la fiducia nelle istituzioni è ai minimi termini. In sintesi, i cittadini sono senza politica. In parallelo, la politica sembra non avere bisogno dei cittadini e risponde alla loro disaffezione con “riforme” decise da una oligarchia politica, economica e finanziaria spesso sovranazionale».

«Ciò pone una domanda di fondo: siamo alla fine della democrazia rappresentativa? La risposta è prematura, trattandosi di un’invenzione tutto sommato recente. Ma certo, in questo momento non ci sono molte ragioni per essere ottimisti. La possibilità di una ripresa, o di un nuovo inizio, dipenderà dal fatto che le strade dei cittadini e quelle della politica tornino, in qualche modo, a incontrarsi».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano