16 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Corteo No Tav, Montanari rivendica la partecipazione. Polemiche in Sala Rossa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

La partecipazione del vicesindaco Montanari, in vece di Chiara Appendino e con la fascia tricolore, al corteo No Tav di sabato scorso a Bussoleno ha richiamato l’attenzione delle forze politiche di opposizione che hanno chiesto conto della presenza all’interno del corteo.

- Advertisement -

Montanari non ha dubbi e si dice stupito: «E’ una domanda retorica che non capisco, quella delle minoranze. La manifestazione riguardava una parte importante della nostra visione politica». «Un sindaco – prosegue Montanari – rappresenta un programma, che manifesta pubblicamente con la propria partecipazione. Non è la prima volta che scendiamo in piazza contro la Tav, siamo anche usciti dall’Osservatorio. Alla manifestazione di sabato, inoltre, c’erano decine di sindaci e amministratori», conclude il vicesindaco.

- Advertisement -

Parole che non convincono le opposizioni. Secondo il capogruppo del Partito democratico Stefano Lo Russo «la differenza è che con la fascia tricolore addosso Montanari non rappresenta solo se stesso, ma la città di Torino. Il vicesindaco può andare in tutte le manifestazioni che vuole come persona. La questione non è politica, ma istituzionale. Avete una considerazione padronale del Comune» conclude Lo Russo. Mimmo Carretta parla invece del «cordone ombelicale che vi lega agli antagonisti. Volete far vedere che il vostro movimento dialoga sia con i centri sociali che con i poteri forti».

Fabrizio Ricca sostiene che «Torino e la Val Susa non siano No Tav e i pullman della manifestazione arrivavano da città che con la Torino-Lione non hanno niente a che vedere. La vostra partecipazione era un messaggio agli autonomi dopo gli incidenti del Primo Maggio, dopo che la sindaca ha preso distanza da loro». Il capogruppo leghista torna poi a sostenere l’idea di un referendum metropolitano per «chiedere ai torinesi cosa ne pensano». Critici anche Osvaldo Napoli e Roberto Rosso, con quest’ultimo che si dice favorevole a un dibattito pubblico apposito sul tema.

A sostegno di Montanari arrivano i consiglieri pentastellati. Viviana Ferrero accusa le altre forze politiche di aver «cercato di demonizzare la lotta No Tav, cosa che non vi è riuscita. Il modello economico che la Torino-Lione rappresenta è fallimentare», per poi ringraziare il vicesindaco per la partecipazione. Maura Paoli accusa le minoranze delle «solite sterili polemiche. Abbiamo anche proposto un consiglio aperto sull’argomento, ma non avete voluto. La stragrande maggioranza delle persone in Valle sono dalla nostra».

Il dibattito, duro in molti dei suoi passaggi, si chiude con un Montanari che punta il dito contro le minoranze, «che si sono messe di traverso, impedendo una discussione vera sul tema a Torino. I partiti -a livello nazionale, continua il vicesindaco – hanno impedito un dibattito democratico sulla Tav».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...

Ream, Lo Russo e Carretta: “Giudizio politico negativo non cambia, serve guardare a futuro”

Il Partito Democratico commenta la sentenza del processo Ream che condanna Chiara Appendino a sei mesi per falso in atto pubblico. Commenti...

Processo Ream, Appendino condannata per falso in atto pubblico

La sindaca Chiara Appendino è stata condannata per falso in atto pubblico relativo al bilancio 2016 nell'ambito dell'inchiesta che la vedeva imputata...

Ream, la sentenza per Appendino alle 15 ad urne chiuse

La sentenza del processo Ream che vede tra gli imputati Chiara Appendino, il suo ex capo di gabinetto, Paolo Giordana, e l’assessore...