12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Coronavirus, sospeso l’avvio (dove non c’era) della raccolta differenziata porta a porta a Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Fino a fine dell’emergenza Coronavirus a Torino è stato sospeso l’avvio della raccolta differenziata porta a porta nelle zone della città in cui non c’era ancora. Nessuno cambiamento invece per quanto riguarda la raccolta rifiuti da parte di Amiat, che prosegue comunque con regolarità la raccolta differenziata porta a porta dove il servizio è già attivo.

Fanno sapere da Palazzo Civico «La Città di Torino e le aziende multiutility che garantiscono la fornitura delle principali utenze domestiche monitorano costantemente l’erogazione dei servizi.  Qualche cambiamento avverrà per la raccolta dei rifiuti. Amiat Spa prosegue con regolarità la raccolta differenziata porta a porta là dove il servizio è già attivo; in caso di necessità potrebbe essere privilegiata la raccolta delle frazioni di organico e di indifferenziato con eventuale rallentamento per le altre frazioni».

«È  invece sospeso fino a fine emergenza l’avvio delle nuove aree di raccolta del porta a porta già programmato. Chiediamo ai cittadini la massima collaborazione nel conferimento dei rifiuti, collaborazione che finora non è mai mancata e che non deve diminuire in questo frangente di comune difficoltà», concludono da Palazzo Civico.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano