16.9 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Coronavirus, Magliano (Moderati): “Spesa sospesa anche a Torino”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Silvio Magliano, capogruppo in consiglio regionale Piemonte e in consiglio comunale a Torino lancia la proposta della spesa sospesa per persone che si trovano in condizioni di bisogno durante l’emergenza Coronavirus. Ma non solo per i prodotti alimentari, sostiene Magliano,  e che sia una misura utile e urgente per contrastare i sempre più frequenti casi di  speculazioni sui prezzi.

“Lancio questa proposta con convinzione – spiega Magliano – alla luce di una situazione sempre più grave e già, per tanti, drammatica. Garantiamo e regoliamo la possibilità, per chi può e desidera farlo, di acquistare e lasciare “sospesi” prodotti, alimentari e non solo, che potranno poi essere consegnati alle persone che si trovano in condizioni di immediato bisogno”.

“Dopo tre settimane di emergenza – continua l’esponente dei Moderati – sono sempre più numerosi i cittadini che si trovano in situazione di necessità: una necessità immediata e drammatica, com’è immediata e drammatica la condizione di una famiglia che fa fatica a mettere insieme il denaro necessario a fare la spesa”.
“Se l’emergenza alimentare è in questo momento arginata grazie alla preziosa opera di tante Associazioni, oltre al cibo cominciano a esserci altri bisogni, quali l’acquisto di prodotti per la pulizia della casa e per la cura della persona. Dobbiamo pensare anche a questo”.

“In questi giorni stanno cominciando a moltiplicarsi le segnalazioni di aumento ingiustificato dei prezzi di beni di prima necessità presso negozi, mercati e supermercati. Una speculazione odiosa, un atto di vero e proprio sciacallaggio. Di contro, sono tanti i cittadini che mi stanno chiedendo informazioni sulla possibilità di compiere un atto di generosità verso persone meno fortunate. Ogni azione che vada a sommarsi ai buoni spesa che saranno forniti dallo Stato tramite i Comuni è oggi la benvenuta”, conclude Magliano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano