25 C
Torino
domenica, 26 Giugno 2022

Coronavirus, i laboratori dov’è possibile fare i test sierologici a Torino e Piemonte

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’Assessorato regionale alla Sanità del Piemonte ha aggiornato l’elenco dei laboratori di analisi privati autorizzati dalla Regione all’esercizio dell’attività. La tabella con i riferimenti delle singole strutture è pubblicata sul sito della Regione Piemonte all’indirizzo https://www.regione.piemonte.it/web/sites/default/files/media/documenti/2020-05/elenco_laboratori_diagnostici_privati_7_maggio_2020_bis.pdf

A tali laboratori è possibile rivolgersi privatamente anche per l’effettuazione, ove contemplata dai servizi delle singole strutture, di eventuali test sierologici, per i quali, in tal caso, gli oneri sono interamente a carico del cittadino.

In particolare, si ricorda che l’utilizzo del test sierologico per le immunoglobuline specifiche per il SARS-CoV-2 è consentito ai privati cittadini per i soli esami che il Ministero della Salute considera attendibili nel loro esito epidemiologico.

Tali test sierologici, secondo lo stesso Ministero, “non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dai tamponi nasofaringei”, né forniscono alcun “patentino di immunità”, in quanto “un test anticorpale positivo indica se la persona è stata infettata da SARS-CoV-2 (se IgM positivi: infezione recente; se IgM negativi e IgG positivi: infezione passata), ma non indica necessariamente se gli anticorpi sono neutralizzanti, se una persona è protetta e per quanto tempo, e se la persona è guarita. Un test anticorpale negativo può avere vari significati: una persona non è stata infettata da SARA-CoV-2, oppure è stata infettata molto recentemente (meno di 8-10 giorni prima) e non ha ancora sviluppato la risposta anticorpale al virus, oppure è stata infettata ma il titolo di anticorpi che ha sviluppato è, al momento dell’esecuzione del test, al di sotto del livello di rilevazione del test”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano