18.6 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Coronavirus, Gallo: “Organizziamo il dopo per ripartire: liquidità per famiglie e imprese”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Piemonte inizi a pensare al dopo emergenza e a come ripartire. E’ l’appello lanciato dal vicepresidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo durante la seduta di oggi, in videoconferenza. “Sono convinto che riusciremo a ripartire quanto prima soltanto se saremo in grado di rendere minimi i rischi per tutti coloro che torneranno al proprio lavoro e riprenderanno la propria attività. E’ arrivato il momento di organizzare il “dopo” e dobbiamo farlo a partire da oggi. Ritengo che tutte le forze politiche debbano iniziare a lavorare insieme e debbano essere coese per mettere in campo un piano di strumenti e misure che ci permetta di ricostruire la normalità che i cittadini attendono” afferma il Vicepresidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo.
“Ho provato a fare qualche proposta – spiega Gallo – Tantissimi sono i commercianti, le imprese turistiche, gli artigiani che hanno dovuto interrompere le proprie attività e che apriranno gradualmente. Occorre che la Regione metta in campo misure complementari al Decreto Cura Italia che li supportino e che li aiutino ad affrontare la ripresa. Dobbiamo affrontare il tema della liquidità, che rappresenta la grande sfida dell’Europa e dell’Italia, ma anche delle Regioni, ricalibrando e riorganizzando gli strumenti di credito per le imprese. Dobbiamo avviare anche un piano d’informazione e formazione per le tante attività commerciali e artigiane sulle modalità con cui riaprire. Possiamo provare, inoltre, a consolidare alcune pratiche che si sono sviluppate in queste difficili settimane, pratiche che ci hanno consentito di affrontare l’emergenza e che potranno essere potenziate: il tema della spesa online per esempio, una filiera da supportare e consolidare soprattutto nel momento della ripartenza, un ambito nel quale si potrebbero coinvolgere anche i servizi di bar e ristorazione, lo smart working, che potrà rappresentare, nel futuro, una nuova modalità di lavoro da utilizzare per evitare assembramenti o per altre emergenze come quella dello smog”.
“Si potrebbero, poi – prosegue Raffaele Gallo – coinvolgere i tanti dipendenti pubblici per far fronte all’emergenza con attività volte a supportare le famiglie: call center informativi, distribuzione di farmaci. Sarebbe un segnale forte di vicinanza alla popolazione. Occorrerà riorganizzare i tempi di lavoro per evitare in una prima fase gli assembramenti”.
Insomma, l’unione fa la forza per Gallo: “Nessuno potrà farcela da solo – conclude – Ecco perché oggi ho lanciato un appello: tutte le forze politiche possono e devono contribuire a rispondere all’emergenza economica e sociale. E’ il momento di agire concretamente. Noi ci siamo. Il Partito Democratico c’è!”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano