17.3 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Coronavirus: Cirio, subito 800 milioni per “Riparti Piemonte”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

il governatore Alberto Cirio in una videoconferenza dall’Unità di crisi per il Coronavirus assicura che la Regione Piemonte è in grado di mettere a disposizione subito 800 milioni di euro per fare ripartire l’economia, attraverso un disegno di legge della giunta da portare all’immediata approvazione del consiglio regionale.

“Dobbiamo fare in modo – ha spiegato – che la liquidità necessaria arrivi nelle tasche di chi ne ha bisogno. Per questo reiteriamo la richiesta non di poteri speciali ma di procedure speciali, semplici facili e immediate. Abbiamo effettuato la verifica e l’importo delle risorse rimodulabili è di 800 milioni di euro, tra 220 milioni di fondi regionali, Fesr non ancora impiegati o che non sono stati ancora rimodulati, fondi statali, in minima parte, e fondi sociali europei. Entro la metà di maggio il ‘Riparti Piemonte’ potrà essere operativo. Sarà un piano – ha aggiunto Cirio – che andrà anche in direzione della semplificazione burocratica.

C’è anche la cultura tra i settori sostenuti dalla Regione con il disegno di legge ‘Riparti Piemonte’. L’assessore alla Cultura, Vittoria Poggio, ha spiegato che le risorse risparmiate per gli eventi annullati a causa del coronavirus saranno reinvestite a favore delle imprese della cultura.

“Passiamo dal progetto al soggetto – hanno detto Cirio e Poggio -, se non fai il progetto perché c’è il coronavirus non dimentico il soggetto. Della cultura se ne parla poco, ma non dobbiamo dimenticare che lì ci sono tante professionalità”.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano