10.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Contro il “piano-casa” occupato il grattacielo della Regione Piemonte

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Occupanti, rifugiati e attivisti degli sportelli locali per il diritto alla casa si sono arrampicati nel tardo pomeriggio sulle impalcature che circondano il grattacielo della Regione Piemonte di via Nizza. Una volta qui hanno calato su una delle facciate del palazzo un enorme striscione con scritto: «Contro sfratti e speculazioni #ribaltiamoilpianocasa».
L’iniziativa si inserisce all’interno della settimana di mobilitazione sul tema del diritto all’abitare lanciata dalla rete “Abitare nella crisi” in opposizione al decreto stilato dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi (il cosiddetto “piano-casa” del governo Renzi) e approvato dal consiglio dei ministri pochi giorni fa. Un testo che non è piaciuto alle realtà che sul territorio italiano si oppongono in varie forme all’emergenza abitativa e agli sfratti, in particolare per quanto riguarda l’articolo 5 del decreto, che sancisce l’impossibilità per gli occupanti di case di ottenere la residenza e l’allaccio alle utenze. Contro il “piano-casa” diverse città si erano già mobilitate contemporaneamente lo scorso giovedì con presidi sotto le sedi delle Prefetture locali.
Per quanto riguarda il territorio piemontese, l’occupazione temporanea del grattacielo della Regione avvenuta questo pomeriggio, come spiegano gli stessi attivisti, è tesa anche a dare visibilità alla giornata di sabato, 29 marzo, per la quale è stato programmato un corteo regionale per il diritto alla casa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano