-0.1 C
Torino
martedì, 30 Novembre 2021

Come cucire le etichette su abiti, accessori d’arredo e biancheria di casa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor

E’ il dettaglio che fa la differenza, in qualsiasi contesto della nostra vita e in qualunque ambito. Un regola d’oro che vale in particolar modo per il pianeta fashion, dove l’occhio vuole sempre la sua parte. Ci sono alcuni dettagli che spesso vengono ritenuti di serie B, perché percepiti come quasi impercettibili. Stiamo facendo riferimento alle etichette cucite sulle creazioni di tipo sartoriale

I metodi e le tecniche esistenti che è possibile utilizzare per portare a termine questa incombenza sono parecchi: cambiano soprattutto a seconda che si tratti di cucire le etichette stesse su accessori, biancheria di casa oppure capi d’abbigliamento. Realizzare etichette personalizzate è possibile e molto facile, grazie a piattaforme come etichettanome che consentono di progettare in tutto e per tutto tali indispensabili supporti. Ci sono marchi e designer che puntano a mettere in evidenza le etichette stesse per dare forza e comunicare il valore del proprio lavoro, altri che invece provvedono all’inserimento in un lato più nascosto del prodotto. 

La posizione negli abiti da uomo e in quelli da donna

La presenza dell’etichetta su pantaloni, camicie e vestiti in generale è preziosa e il momento in cui viene cucita sui diversi capi è cruciale. Si deve infatti scegliere il punto perfetto, tale da non compromettere la vestibilità. Qualche esempio? Per quanto riguarda gli abiti femminili interi così come le gonne le etichette dovranno essere posizionate sulla cinta e comunque in corrispondenza della parte centrale posteriore. 

Nel caso in cui in quella zona del capo sia presente una chiusura con zip, allora le etichette potranno essere cucite lateralmente e più o meno tra la zip stessa e il fianco. Per quanto riguarda invece un capo come il pantalone, qui la posizione dell’etichetta è standard: viene fissata nella parte centrale della cinta. Infine le camicie: qui si provvede a cucire l’etichetta nella zona del colletto o nel carré. Per quanto riguarda poi nello specifico le cuciture delle etichette sulla stoffa, il consiglio è sempre di sfruttare il più possibile l’impuntura (la fodera può essere d’aiuto). 

Dove cucire le etichette nelle creazioni per l’arredamento

Quella delle etichette è una presenza discreta, che caratterizza non soltanto i capi d’abbigliamento ma anche la biancheria per la casa, le tende e i rivestimenti per il divano ma non solo. Anche in questo caso la scelta della posizione per cucire il supporto è decisiva: a seconda del prodotto, sarà comunque diversa. Per esempio se stiamo parlando di tende, le etichette potranno essere posizionate lateralmente e nella parte inferiore (lontano dagli occhi), mentre invece nel caso del rivestimento di un divano l’ideale sarà optare per la parte sul retro o lateralmente nella parte inferiore, cercando di intercettare le cuciture. Per quanto riguarda un accessorio imprescindibile nel contesto di qualsiasi zona living, ovvero i cuscini, sarà perfetto cucire le etichette nella parte interna e dunque nel punto che si preferisce (in genere lungo il bordo, comunque). Spesso i brand di moda scelgono di far stampare le etichette anche in pelle, per una spinta glamour in più alle loro creazioni. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano