16 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Città Metropolitana, Appendino (per ora) salvata dal centrodestra. La protesta del centrosinistra continua

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Protesta doveva essere e protesta è stata. Come annunciato gli otto consiglieri della lista “Città di città”, espressione del Partito Democratico e dei Moderati nel Consiglio della Città Metropolitana di Torino, hanno abbandonato l’aula per protestare contro la sindaca Chiara Appendino e la sua decisione sul mercato di libero scambio di Ponte Mosca. Il Suk infatti si farà qui, nonostante il voto contrario del Consiglio metropolitano. «I Cinque Stelle procedono come se avesse la maggioranza, cosa che non è, a disprezzo delle regole di democrazia», commenta il capogruppo di “Città di Città”, Vincenzo Barrea.

A salvare Appendino è il centrodestra: i suoi consiglieri sono rimasti in aula ed è quindi stato possibile procedere con i lavori. E Marco Marocco, vicesindaco pentastellato del Città metropolitana, ha ringraziato il centrodestra per il «senso di responsabilità» dimostrato. «I lavori – ha spiegato Marocco –  non si sono fermati, votando diversi provvedimenti utili per i cittadini, vero interlocutore della nostra azione politica».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano