7.6 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Cassa in deroga, arriva l’anticipo: accordo con Intesa San Paolo. “Lavoratori piemontesi tirano un sospiro di sollievo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’accordo è arrivato in serata, in un vertice tra l’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino, la banca e le parti sociali. Domani la firma, dopo l’approvazione ufficiale da parte della giunta regionale. Prime erogazioni già da lunedì. Le persone interessate dovranno far domanda all’Istituto di piazza San Carlo, che esaminerà le richieste al fine di concedere un credito pari allo stesso importo dell’ammortizzatore sociale. Cirio e Chiorino: «Si tratta di un risultato fondamentale per venire incontro alle urgenti necessità di centinaia di famiglie piemontesi».

Obiettivo raggiunto: la Regione corre in soccorso ai lavoratori «intrappolati» nelle briglie della burocrazia e che da troppe settimane attendono l’accredito della Cassa in deroga, sbloccando un fondamentale accordo con Intesa-Sanpaolo: l’obiettivo, al quale, in particolare, l’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino, ha lavorato assiduamente da settimane, è stato raggiunto oggi, con l’accordo sul protocollo di intesa, che oltre alla banca coinvolge Finpiemonte e le parti sociali.

«Non potevamo più attendere le lungaggini della burocrazia romana – spiega l’esponente della giunta Cirio – abbiamo fatto da soli».

L’accordo prevede l’utilizzo del Fondo regionale di garanzia – già attivo – a sostegno dei lavoratori dipendenti in condizione di disagio economico a seguito dell’emergenza sanitaria e sociale creatasi a causa dell’epidemia Covid-19, pari a cinque milioni di euro.
Il protocollo prevede il supporto immediato ai lavoratori interessati, oggi penalizzati dal ritardo nell’erogazione delle integrazioni salariali. Le prime erogazioni partiranno già lunedì e nei prossimi giorni verranno pubblicate tutte le informazioni sul web della Regione. Le prime erogazioni potranno essere liquidate già da lunedì.
Ma come funzionerà, in pratica, il meccanismo? Innanzi tutto i lavoratori piemontesi beneficiari dovranno presentare alla banca la richiesta di accesso al credito. Si tratterà di una procedura semplificata, che verrà comunicata dallo stesso istituto di credito. A quel punto la banca esaminerà le richieste al fine di concedere un credito pari allo stesso importo della Cassa in deroga. Qualora il lavoratore interessato non fosse correntista presso quella banca, potrà aprire un nuovo conto le cui spese e interessi saranno a carico della Regione. Al protocollo potranno auspicabilmente aderire anche altri istituti bancari.

«Si tratta di un risultato fondamentale, per il quale abbiamo lavorato a lungo e che è finalizzato a venire incontro nel minor tempo possibile alle urgenti esigenze di migliaia di lavoratori che attendono di ricevere, nel più breve tempo possibile, i proventi della Cassa integrazione in deroga – spiegano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore Chiorino -. Purtroppo l’emergenza Covid-19 rischia di mettere in ginocchio non solo le nostre imprese, ma anche le famiglie che si sono ritrovate da un giorno all’altro senza alcuna entrata. Ringraziamo tutti i soggetti che hanno contribuito alla realizzazione di questo accordo, in particolare Intesa Sanpaolo che ha dimostrato ancora una volta grande attenzione al territorio piemontese e ai lavoratori in difficoltà».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano