4.8 C
Torino
giovedì, 1 Dicembre 2022

Caso FTX: la SCB ordina il trasferimento degli asset digitali

Più letti

Nuova Società - sponsor

Il cappio si stringe per FTX. La piattaforma è stata costretta a trasferire tutti gli asset digitali in un portafoglio digitale di proprietà della Bahamas Financial Conduct Authority.

Gli asset digitali di FDM trasferiti nel portafoglio digitale sicuro della SCB

L’autorità di regolamentazione dei mercati finanziari delle Bahamas ha ordinato il trasferimento di tutti gli asset digitali legati a FTX.

Il trasferimento dei beni è avvenuto il 12 novembre, appena due giorni dopo il congelamento dei beni e la sospensione della licenza della piattaforma di criptovalute FTX nel Paese.

Il comunicato stampa della Commissione non specifica l’ammontare delle attività digitali di FTX Digital Markets che sono state spostate a seguito del trasferimento di attività.

Una misura preventiva a tutela dei creditori

Secondo la Commissione, era necessario un intervento normativo urgente per proteggere gli interessi dei creditori e dei clienti di FTX Digital Markets. Molti clienti e creditori hanno perso fiducia nella gestione dell’azienda.

Non va dimenticato che la piattaforma di criptovalute non solo ha utilizzato i fondi dei suoi clienti per finanziare le scommesse rischiose della sua controllata Alameda Research, ma è stata anche vittima di un massiccio hackeraggio in cui sono stati rubati oltre 600 milioni di dollari.

In virtù di un’ordinanza della Corte Suprema, la SCB esercita quindi il suo potere di regolatore. Si tratta chiaramente di una misura preventiva per garantire che i fondi rimanenti non vengano trasferiti illegalmente a un portafoglio di terzi. L’obiettivo è ovviamente quello di proteggere i creditori della piattaforma FTX.

Più di un milione di creditori colpiti dall’onda d’urto FTX!

Secondo una recente stima del quotidiano WSJ, più di un milione di creditori sono interessati dalla crisi di liquidità della piattaforma di trading. Il rimborso dei creditori della piattaforma (clienti, investitori, affiliati) è una delle priorità della Commissione.

Tuttavia, questa misura preventiva è solo un passo nella protezione dei creditori, che su Quantum AI non hanno mai avuto di questi problemi. La Commissione ha già avvertito che collaborerà con altre autorità di regolamentazione finanziaria in altre giurisdizioni per far luce sulla crisi di liquidità e affrontare le questioni che riguardano i creditori e i clienti.

Le prossime fasi del processo di liquidazione di FTX

Non si conoscono ancora i dettagli completi del processo di liquidazione, ma è chiaro che l’onda d’urto di FTX continuerà a percorrere i mercati delle criptovalute per alcune settimane a venire.

Il processo di liquidazione sembra pericoloso!

Il processo di liquidazione sembra particolarmente lungo e pericoloso. Il congelamento e il trasferimento dei beni digitali è solo il primo passo del processo di liquidazione. I creditori di FDM probabilmente non saranno rimborsati per diversi anni.

Il fallimento della piattaforma FTX assomiglia in modo impressionante al clamoroso fallimento della piattaforma Mt Gox. La società ha presentato istanza di fallimento il 28 febbraio 2014 e ci sono voluti più di 7 anni prima che i creditori ottenessero un rimborso parziale.

Riconoscimento della procedura di liquidazione da parte delle autorità statunitensi

FTX Digital Markets, attraverso il suo nuovo amministratore delegato, John Ray, ha recentemente presentato istanza di protezione per bancarotta presso un tribunale di New York ai sensi del Capitolo 15. L’obiettivo è ottenere il riconoscimento da parte delle autorità statunitensi della procedura di liquidazione in corso alle Bahamas.

SBF sarà presto responsabile?

La Bahamas Securities and Exchange Commission continuerà a collaborare con le altre autorità finanziarie per determinare in che misura gli ex dirigenti di FTX siano responsabili della crisi di liquidità della società.

È molto probabile che Sam Bankman-Fried sia ritenuto responsabile. Il nuovo CEO di FTX. John Ray, ha criticato la SBF per la cattiva gestione dell’azienda dovuta alla mancanza di garanzie finanziarie e di dati affidabili. L’appropriazione indebita di fondi è in ogni caso una colpa grave che sarà invocata dalle autorità giudiziarie.

Una cosa è certa: Sam Bankman-Fried, insieme a molte altre persone che hanno partecipato attivamente a FTX, dovrà pagare una causa collettiva che stima in oltre 11 miliardi di dollari il danno subito dagli investitori frodati. La causa è stata presentata in Florida dall’avvocato Adam Moskowitz. Vi terremo informati!

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano