23.4 C
Torino
venerdì, 12 Agosto 2022

Campagna elettorale allo sprint finale, Damilano prepara tre giorni di eventi. Lo Russo fa sua la Tesoriera

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Ultimi giorni di campagna elettorale, prima del voto del 3 e 4 ottobre. Alla mezzanotte di sabato 2 calerà il silenzio elettorale, ma prima di allora i candidati tentano di utilizzare tutte le cartucce a loro disposizione per convincere gli indecisi. 

E così la fine della campagna elettorale diventa quasi una festa dove si guarda al rivale per farla più bella e più grande.

Il candidato del centrodestra Paolo Damilano ha già annunciato una “Tre giorni per il futuro”. Da mercoledì a venerdì tre eventi a conclusione della campagna per “Torino Bellissima: l’incontro con Marco Bucci, quello con Alessandro Sallusti su ‘Torino, il gusto del futuro’ e l’ultimo, con il ministro allo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, per parlare di ‘Una squadra per il futuro’. 
“Queste del 3 e 4 ottobre non sono elezioni normali, di quelle che si tengono ogni 5 anni, ma lo spartiacque da cui passa il futuro della città per i prossimi 25 – si legge nell’annuncio dell’evento -.Torino sta oggi davanti a un bivio:rinascere, dopo la pandemia e la stagione dell’indebitamento, con una nuova visione, oppure arrendersi definitivamente al declino”. Da qui la scelta di tre giorni “in cui confrontarsi con modelli virtuosi, sviluppare una visione con protagonisti del dibattito nazionale, analizzare l’importanza di fare squadra per riportare Torino là dove merita: tra le capitali del mondo. È il grande cambiamento che ci attende, spetta a noi coglierlo”.

Punta su una festa diffusa e social Stefano Lo Russo che venerdì pomeriggio chiamerà a raccolta tutta la coalizione. Ogni partito che sostiene il candidato di centrosinistra infatti si darà appuntamento dalle 17.30 e sfilerà in un punto diverso della città, con tanto di volantini, magliette ad hoc, slogan e post e condivisioni social. E tutti con una meta: la Tesoriera dove dalle 19 ci sarà la festa finale. “Un intervento che inonda i social e le strade di Torino è l’ordine di batteria”.

Poi calerà il silenzio in attesa del voto che darà il nome del nuovo sindaco. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano