5.3 C
Torino
giovedì, 28 Ottobre 2021

No Tav, Corte d’Appello si riserva di decidere su richiesta estradizione per Scalzo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

La Corte di Appello di Torino si è riservata di decidere sulla richiesta delle autorità francesi di estradizione per Emilio Scalzo, attivista No Tav accusato di violenze nei confronti di un poliziotto francese durante una manifestazione. 

Come spiega l’avvocato difensore Danilo Ghia: “Il 5 ottobre Scalzo sarà processato per l’occupazione della casa di Claviere -deve essere presente per potersi difendere e questo e’ incompatibile con l’estradizione. In ogni caso la Francia può cominciare il procedimento senza la presenza dell’imputato, nulla lo vieta”.

A difesa di Scalzo anche la consigliera regionale del Movimento 4 Ottobre: “Emilio è un patrimonio di umanità. Teniamocelo stretto. No estradizione” scrive su Facebook. Mentre davanti al Palazzo di Giustizia è stato organizzato un presidio di solidarietà. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano