12.4 C
Torino
lunedì, 24 Giugno 2024

Cambiamenti nel mondo delle macchine, ecco il nuovo regolamento

Più letti

Nuova Società - sponsor

Come le innovazioni possono influenzare la sicurezza e la qualità dei prodotti che utilizziamo.

La regolamentazione sulle macchine non è altro che un insieme di leggi e normative, promulgata con l’obiettivo di incentivare gli standard di sicurezza e conformità delle macchine. Grazie a ciò, i macchinari industriali nonché quelli commerciali vengono progettati, fabbricati e successivamente utilizzati nel miglior modo possibile, in modo tale da proteggere la salute degli operatori e dei consumatori. Infatti, se non si presta attenzione possono verificarsi emergenze ed incidenti piuttosto spiacevoli, i quali vengono causati da macchine difettose. 

Una regolamentazione sulle macchine chiara e applicabile a tutti i Paesi dell’Unione europea entrerà in vigore in via definitiva solamente nel 2027 e al riguardo segnaliamo che su certificazionice.it è possibile scoprire cosa dice il nuovo regolamento per i macchinari in modo da ottenere informazioni dettagliate sui temi più salienti e farsi già un’idea su quelle che saranno le novità più importanti. Il nuovo Regolamento Macchine diventerà obbligatorio soltanto entro i 30 mesi successivi alla sua entrata in vigore, ma è anche previsto un periodo transitorio di 42 mesi durante il quale è la vecchia Direttiva ad essere la normativa a cui fare riferimento.

Il nuovo regolamento per i macchinari

A distanza di diversi anni – circa 16 – è stato redatto un nuovo regolamento riguardante i cambiamenti all’interno del mondo delle macchine. A differenza della Direttiva Macchine applicata nel 2010, il nuovo Regolamento Macchine implica giuridicamente un’immediata entrata in vigore negli Stati membri del Parlamento europeo. Ciò è avvenuto con l’obiettivo di fornire uno standard omogeneo in Europa, così da evitare la discrezionalità territoriale. Nonostante i tempi di attuazione risultino abbondanti, non bisogna sottovalutare tale regolamentazione, poiché si fonda sui cambiamenti tecnologici che hanno reso ormai obsoleta quella precedente. 

Il primo cambiamento riguarda proprio la definizione di macchina. La nuova regolamentazione prevede una novità importante da questo punto di vista, poiché concettualmente vengono incluse nella definizione soltanto le macchine non autonome, le quali cioè non possono funzionare da sole. Dunque, si tratta di quei macchinari che non possono svolgere una determinata applicazione in maniera indipendente, ma anche di quelli incorporati in un’altra macchina o che devono essere assemblati

Un’altra novità essenziale è legata alla conformità dei prodotti, la quale precedentemente era a carico esclusivo del fabbricante, mentre con la nuova regolamentazione diventa anche a carico dell’importatore, del distributore e dell’eventuale mandatario. Ognuno dei soggetti citati potrà poi essere facilmente rintracciato grazie a dei chiari criteri di identificazione. 

Innovazione e sicurezza

Per ciò che concerne le innovazioni nell’ambito delle macchine, c’è da dire che vi è una particolare attenzione verso la sicurezza e la qualità dei prodotti che utilizziamo. Infatti, tali innovazioni influenzano i fattori citati su più fronti. In primo luogo, i software rientreranno tra i prodotti fisici con marcatura CE e conformità UE, così da tutelare al meglio la cybersecurity. Infatti, il costruttore deve assicurarsi che il contatto tra la macchina e gli altri dispositivi elettronici risulti essere protetto nativamente, così da aggirare eventuali errori e/o attacchi. 

Inoltre, ci sarà l’obbligo di inserire all’interno della documentazione tecnica di ciascun macchinario il codice di sorgente e la logica programmabile. Per incrementare il livello di tracciabilità, ci sarà il dovere di possedere uno storage degli interventi sia hardware che software. Chiaramente ciò preserva anche la qualità dei prodotti, poiché per i tecnici vi è la possibilità di monitorare da remoto il funzionamento delle macchine tramite appositi sensori. 

Siccome sia i macchinari che i software dovranno risultare di qualità per ottenere la marcatura e la conformità, questi verranno inevitabilmente progettati e realizzati con materiali di livello, molto efficienti. Infine, la nuova regolamentazione è al passo con le innovazioni nell’interazione uomo-macchina, grazie alla quale gli utenti possono controllare le operazioni di ciascun macchinario in modo più intuitivo e sicuro. Da questo punto di vista, l’interfaccia tra gli operatori e le macchine verrà adattata alle caratteristiche prevedibili dei primi. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano