9.1 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Bruxelles dà l’ok a Renzi ma avverte: “Rispettare il patto di stabilità”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Alessandra Del Zotto
Bruxelles strizza l’occhio a Matteo Renzi e accoglie favorevolmente il pacchetto di riforme annunciato ieri sera dal presidente del Consiglio italiano, anche se per le congratulazioni ufficiali si riserva di visionarne prima i dettagli.
Ad annunciarlo è il portavoce dell’Unione europea, Olli Rehn, che torna però a ricordare all’Italia «l’importanza di rispettare le regole del patto di stabilità, cioè il pareggio in termini strutturali e la messa in regola con il debito».
Dunque, mentre la Bce sottolinea nel suo bollettino mensile che il Paese non ha ancora attuato misure efficaci per la riduzione del deficit, l’Ue sembra avanzare qualche timida speranza verso il piano riformatorio del nuovo esecutivo.
A destare più aspettative è il cosiddetto Jobs Act, il piano di riforma del mercato del lavoro. «Le norme – commenta infatti il portavoce Rehn – sono appropriate vista l’elevata disoccupazione dei giovani». Ma destano l’attenzione di Bruxelles anche l’impegno ad accelerare i debiti della pubblica amministrazione verso le imprese, di “sburocratizzare” il sistema Italia e i processi decisionali del governo e l’impegno contro la corruzione.
Fin qui però, e l’Europa sembra averlo ben chiaro, si tratta ancora solo di buone intenzioni. Per verificarne l’effettiva attuazione si aspetta luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano