14.2 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

Benessere e relax grazie alla cannabis legale

Più letti

Nuova Società - sponsor

Molto spesso durante il corso della nostra vita ci ritroviamo a soccombere a fastidi di vario genere, che immancabilmente tentiamo di risolvere con il tipico ricorso a medicinali o prodotti farmaceutici. Non sempre va bene però abusare dei farmaci, in cui sempre più volte non ritroviamo quella soluzione che cerchiamo ma anzi, ci provocano pesanti effetti collaterali, diffiicili da sostenere.

Per risolvere problemi di varia natura, può essere propizio l’aiuto di alcuni rimedi naturali a base di erbe, che non provocano contro – effetti spiacevoli. Uno di questi, forse ancora non posto sotto l’ottica della giusta attenzione, è la cannabis legale.

La cannabis legale ha davvero molte proprietà. Scopriamo insieme quali benefici può apportare al nostro organismo questa sostanza.

Le proprietà della cannabis legale 

L’assunzione di cannabis legale apporta davvero non pochi benefici all’organismo. Ciò è dovuto ai suoi principi attivi. Nei semi, nelle foglie e nelle parti floreali della pianta di cannabis, si ritrovano due principali metaboliti:  il cannabidiolo e il tetraidrocannabidolo. I suddetti metaboliti vengono solitamente indicati tramite gli acronimi CBD e THC.

Il cannabidiolo, CBD, è un metabolita dall’azione non psicoattiva e che ha proprietà antiossidanti, utili a contrastare l’attacco continuo al nostro organismo da parte dei radicali liberi, i maggiori responsabili dell’invecchiamento e della comparsa di agglomerati tumorali. Su questo punto il CBD assume un’importanza molto rilevante poiché il metabolita è in grado di distruggere in maniera particolare il gene Id-1, che è quello che provoca il tumore al seno e favorisce la diffusione delle metastasi. Il cannabidiolo ha inoltre proprietà analgesiche, neuroprotettive, ansiolitiche, antinfiammatorie, antidepressive, antidistoniche, anticonvulsionanti, e antipsicotiche. Il CBD ha effetti benefici sulla vista, che protegge dalla comparsa di patologie degenerative, aiuta a contrastare le emicranie ei dolori tipici del ciclo mestruale, ha azione rilassante sulla mente e sul corpo.

Il tetraidrocannabidiolo, THC, è invece un metabolita di tipo psicoattivo. La concentrazione di questa sostanza definisce la cannabis legale o illegale. Per essere legale dunque la cannabis deve contenere al suo interno meno dello 0,2% di THC. Come benefici il THC provoca il rilascio della dopamina, che suscita una sensazione di benessere generale, e favorisce l’aumento dell’appetito.

Curarsi con la cannabis legale

Quando ci si avvale dell’aiuto della cannabis legale in qualità di rimedio naturale, piccole concentrazioni di THC possono giungere al nostro organismo facendoci provare una sensazione di relax e benessere oltre che stimolare il nostro appetito. Abbiamo visto poi che il CDB apporta molti effetti importanti. Per questi motivi possiamo quindi curarci con la cannabis legale quando ad esempio soffriamo per  i dolori mestruali o abbiamo periodicamente dei dolorosi e pulsanti  mal di testa. 

I principi attivi contenuti nella cannabis legale aiutano a controllare il dolore favorendone la riduzione. Il sistema endocannabinoide ha il compito di regolare molte funzioni corporee. Nella cannabis sono presenti i fitocannabinoidi, in grado di legarsi ai recettori del sistema endocannabinoide provocando un ottimo controllo del dolore. I cannabinoidi sono poi legati al rilascio della serotonina, l’ormone del buonumore e del benessere.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano