17.1 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Barriera di Milano, sequestrati 2 chili di cocaina in un androne

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Martedì sera, ancora un arresto in materia di stupefacenti nel quartiere Barriera Milano a Torino; i poliziotti della Volante del Commissariato di zona, transitando in via Palestrina, notano un cittadino straniero fermo davanti alla cancellata dell’androne di casa. Anche qualche giorno prima lo avevano visto lì, fermo ad attendere qualcuno; la cosa è sospetta e decidono di controllarlo.

L’uomo, 37 anni, nato in Gambia, qui regolarmente residente, ha addosso un sacchetto in cellophane: contiene 26 involucri termosaldati di crack, per un peso di 17 grammi. Dagli accertamenti eseguiti a suo carico, emergono numerosi arresti infraquinquennali per reati inerenti agli stupefacenti;  nel recente passato è stato anche sottoposto a misure limitative della libertà personale (divieto di dimora nel comune di Torino, obbligo di presentazione alla P.G., arresti domiciliari).

L’attività di polizia giudiziaria continua con la perquisizione di casa sua, ove viene rinvenuto materiale utile al confezionamento delle dosi, 4200 euro in contanti e 12 cellulari; gli agenti estendono il controllo alla cantina, sospettando che la droga possa essere  nascosta lì; il loro intuito  viene ripagato dal rinvenimento di oltre 2 chili di cocaina e di 2 bilancini di precisione. Il cittadino straniero è tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano