13.8 C
Torino
domenica, 23 Giugno 2024

Prima della Scala, protesta in piazza: dalla Palestina ai lavoratori

Più letti

Nuova Società - sponsor

(Adnkronos) – Piazza della Scala si presenta ‘colorata’ dalle bandiere più diverse, prima della Prima del Don Carlo. Sventolano quelle della cub, la confederazione unitaria di base, accanto ai colori della Palestina. In piazza sono scesi anche movimenti per il diritto alla casa e i lavoratori dello spettacolo. "Siamo qui per ricordare ai politici e ai potenti che parteciperanno alla Prima le problematiche di chi lavora, perché non le conoscono” ha detto il segretario della Cub, Mattia Scolari. “Il governo anziché adottare misure per gli ultimi ha deciso di cancellare il reddito di cittadinanza e di facilitare il ricorso ai contratti a termine”, ha spiegato il sindacalista. La protesta in particolare riguarda la possibilità, preclusa ai lavoratori pubblici, di richiede un anticipo del Tfr. I lavoratori dello spettacolo, invece, chiedono un‘indennità di discontinuità, scontenti di come è stata attuata la legge delega che riguarda il settore. “Il decreto attuativo ne ha snaturato i principi. I parametri introdotti trasformano l’indennità in un ennesimo bonus, che non è un sostegno per chi è davvero un lavoratore discontinuo”, spiega Nicoletta Daino, della Slc Cgil Milano e Lombardia. In piazza sventolano anche bandiere della Palestina. Si tratta dell’iniziativa di un gruppo di persone, per esprimere “solidarietà a un popolo che stanno massacrando. È un genocidio quotidiano”. "https://nuovasocieta.it/wp-content/uploads/2023/12/milano_protesta.mp4"—cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano