22.5 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Assistenza domiciliare, dalla Regione meno fondi a Torino. Valle (PD): “Modello virtuoso va esteso non penalizzato”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Fallimento Scarpe & Scarpe, Fisascat Cisl Torino-Piemonte: “Rispetto per i dipendenti”

La Fisascat Cisl Torino-Piemonte commenta il rischio di fallimento della ditta Scarpe & Scarpe di Torino, chiedendo "rispetto e attenzione per i dipendenti" che...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

Preoccupa le minoranze la proposta avanzata oggi dall’assessora al Welfare della Regione Piemonte Chiara Caucino che ha annunciato di voler togliere 5 milioni al fondo destinato per la cura domiciliare dei malati non autosufficienti del torinese, quello della “Fragilità sociale” per destinarli al capitolo dei “Servizi domiciliari per persone anziane non autosufficienti’”che riguarda invece tutto il territorio piemontese.

Alla base di questa scelta la convinzione che «Il modello torinese di assistenza domiciliare per i non autosufficienti, per quanto buono, non è esportabile sul resto del territorio regionale, se non attraverso una diversa redistribuzione dei fondi» e a tale proposito Caucino cita anche il fatto che i 18 milioni stanziati dalla giunta Chiamparino «sono stati anticipati per soli 12 milioni, coprendo la carenza del 2019 e non incrementando il servizio».

Una mossa giustificata come necessaria per rendere più omogenee le prestazioni in tutta la Regione ma che non trova d’accordo il consigliere del Partito Democratico Daniele Valle: «Cosa pensa di fare questa giunta regionale, di lasciare senza sostegno dal giorno alla notte migliaia di torinesi? Invece che estendere un sistema che fa risparmiare al resto del territorio, si pensa di ridurlo, quando ci sono oltre 15.000 piemontesi (sui 25.000 non assistiti in lista d’attesa) che si aspettano una risposta domiciliare?»

Valle spiega anche l’importanza dei fondi destinati al torinese: «Ci sono ragioni sociali, legate alla maggior fragilità del territorio cittadino, e storico, legate alla stagione dei ricorsi, per cui quelle risorse sono ora destinate alla Città di Torino. E’ tempo di estendere un modello virtuoso apprezzato dalle famiglie e che consente grandi risparmi, non di tagliare o spostare, in un gioco a somma zero», conclude il Dem.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Governo Conte verso la proroga delle restrizioni fino al 3 maggio

Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. E' quanto si apprende da fonti sindacali al termine del vertice tra...

In Piemonte i guariti di oggi sono il doppio dei decessi

Altri 133 guariti in Piemonte, che arrivano oggi a quota 865 in tutta la Regione. 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in...

Piemonte, Cirio chiude i supermercati per Pasqua e Pasquetta

Niente spesa nei supermercati per Pasqua e Pasquetta. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l'ordinanza che stabilisce la chiusura dei supermercati...

Coronavirus, Unione industriale Torino: “Mascherine bloccate da Inail”

L'Unione Industriale di Torino ha acquistato un ingente carico di mascherine per le imprese associate, 300.000 sono state importate dall'estero, ma forti ritardi burocratici...

Coronavirus, in Piemonte allarme usura

“La grave crisi di liquidità causata dall’emergenza Covid-19 è un terreno che anche in Piemonte potrebbe rivelarsi fertile per gli usurai”. La denuncia arriva...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor