22.5 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Foibe, CasaPound Torino celebra con un corteo il giorno del ricordo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Fallimento Scarpe & Scarpe, Fisascat Cisl Torino-Piemonte: “Rispetto per i dipendenti”

La Fisascat Cisl Torino-Piemonte commenta il rischio di fallimento della ditta Scarpe & Scarpe di Torino, chiedendo "rispetto e attenzione per i dipendenti" che...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Fiaccolata con corteo ieri sera a Torino, nel quartiere Lucento Vallette, organizzato da CasaPound per ricordare i martiri di Istria, Fiume e Dalmazia.

«Sono oltre dieci anni che ricordiamo, con un corteo silenzioso, l’eccidio perpetrato al termine della seconda guerra mondiale e che ha visto morire assassinati migliaia di italiani sul confine orientale – dichiara Matteo Rossino, responsabile provinciale di CasaPound – anche e soprattutto in un momento storico in cui le istituzioni permettono ai revisionisti di infangare la memoria delle foibe sostenendo l’inesistenza dello sterminio. Il 10 febbraio è il giorno istituito per legge per il ricordo del massacro delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata, per questo ogni anno, questo giorno, saremo in strada ad onorare questi italiani, ancora oggi messi nel dimenticatoio da tanti, troppi politici»

«È stato come sempre un corteo ordinato, marziale e toccante, i rintocchi del tamburo erano l’unico suono che si udiva in un momento di raccoglimento – queste le parole di Marco Racca, coordinatore regionale di CasaPound – guastato, nei giorni scorsi, dai soliti imbecilli negazionisti a cui il comune di Torino non solo ha concesso spazio, ma addirittura ha paventato la possibilità di far parlare l’anpi alla commemorazione per i martiri delle Foibe. Credo che sia un paradosso e una provocazione far parlare proprio quegli stessi individui che difendono i carnefici di questa strage. Vedere un’amministrazione comunale, palesemente alla deriva, che continua ad incentivare personaggi che infangano il ricordo di italiani vigliaccamente uccisi è solo, per noi, una spinta ulteriore per essere qui, ogni anno, a ribadire che la verità non può essere infoibata».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Governo Conte verso la proroga delle restrizioni fino al 3 maggio

Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. E' quanto si apprende da fonti sindacali al termine del vertice tra...

In Piemonte i guariti di oggi sono il doppio dei decessi

Altri 133 guariti in Piemonte, che arrivano oggi a quota 865 in tutta la Regione. 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in...

Piemonte, Cirio chiude i supermercati per Pasqua e Pasquetta

Niente spesa nei supermercati per Pasqua e Pasquetta. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l'ordinanza che stabilisce la chiusura dei supermercati...

Coronavirus, Unione industriale Torino: “Mascherine bloccate da Inail”

L'Unione Industriale di Torino ha acquistato un ingente carico di mascherine per le imprese associate, 300.000 sono state importate dall'estero, ma forti ritardi burocratici...

Coronavirus, in Piemonte allarme usura

“La grave crisi di liquidità causata dall’emergenza Covid-19 è un terreno che anche in Piemonte potrebbe rivelarsi fertile per gli usurai”. La denuncia arriva...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor