0.8 C
Torino
venerdì, 4 Dicembre 2020

Se la Freccia (non) torna al suo arco

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Sara Collicelli

È sempre bene fare delle precisazioni prima di iniziare a parlare di qualcosa, anche stavolta.

Primo: ogni cosa che riguardi dei supereroi va vista. Senza se e senza ma.

Secondo: ogni cosa è bella finchè dura poco (tranne Stephen Amell, lui è bello sempre).

Terzo: sono consapevole del fatto che hanno scritto già in tantissimi sui supereroi in chiave psicologica, non sono originale lo so. Quindi cercherò non di essere originale, ma di essere oggettiva nella soggettività della valutazione che vado a fare.

Dunque, cominciamo.

Di che parliamo? Di Arrow. Serie TV leader di quello che è chiamato Arrowverse (universo di Arrow) che vede Arrow, appunto, The Flash e Legends of Tomorrow. Cercate le sinossi delle serie citate e guardatele se volete passare 40 minuti di supereroi e super cattivi e se volete rivalutare la figura degli unicorni (Legends of Tomorrow 04×01).

Arrow, ovvero Green Arrow ovvero Freccia Verde ovvero Oliver Queen ovvero Stephen Amell, è uno dei supereroi del mondo DC Comics (quelli di Batman e Superman, per intenderci).

Nel 2012 inizia la sua trasposizione sul piccolo schermo e poche settimane fa ci comunicano che la prossima stagione, l’ottava, sarà l’ultima. Una delle poche volte in cui commento “ma meno male!”.

Si, perché in questi anni le vicende di Oliver Queen e di tutto il Team Arrow sono state belle, per carità. Entusiasmanti, ma adesso stiamo, forse, esagerando.

Ma proviamo a non essere una fangirl e proviamo a essere più professionale.

Oliver fa naufragio su un’isola deserta (dove in realtà mancavamo solo noi) e lì viene addestrato e diventa un super combattente semi ninja. Torna a Starling City, la sua città, e decide di vendicarla punendo tutti quelli che l’hanno tradita con la corruzione e la malavita.

Praticamente diventa Robin Hood che anziché rubare ai ricchi per dare ai poveri, uccide i ricchi.

Un giustiziere mascherato che di notte pattuglia le strade.

Ovviamente nel corso di otto stagioni lui matura, evolve, cresce, si innamora etc.etc.

Però, perché c’è sempre un però, rimane trincerato dietro la sua maschera. Anche quando la toglie. Anche quando si dichiara al mondo.

La maschera è diventata ormai parte della sua identità. Tanto che il confine Oliver Queen / Green Arrow diviene sempre più labile fin quasi impercettibile.

L’idea della maschera è diffusa, così come la sua simbologia. Porre una barriera fisica tra il mondo interno e quello esterno, tra il viso e il mondo. Nascondersi e nascondere.

Una maschera che crea una nuova identità, quella di Green Arrow, dietro la quale si cela Oliver Queen.

Un’identità che può essere un ninja killer della Lega degli Assassini e al roco e profondo sussurro “you failed this city “ (hai tradito questa città) può scoccare frecce dal suo arco e consegnare ogni traditore o alla polizia o direttamente al creatore.

Un’identità notturna che sorregge quella diurna, quella di Oliver Queen, che si ritrova schiacciata dal peso delle bugie e dei rimorsi. Un’identità, quella diurna, che fa fatica ad affrontare i suoi dolori, le sue delusioni e le sue paure e si cela dietro una maschera che impone anonimato, solitudine e isolamento. Perché se mi isolo dal mondo per compiere la mia missione vendicativa non faccio male a nessuno e così facendo non soffro io.

Indosso una maschera, fingo di essere qualcosa di diverso, agisco nel buio della notte artefacendo la mia voce, perché così nessuno sa chi sono. Così nessuno ferisce chi amo (amici, fidanzata, figli, famiglia etc.etc.) e io non soffro.

E per fare tutto questo cosa faccio? Allontano tutti perché io in realtà sono la notte, sono le tenebre etc.etc.. E se mi nascondo dietro una maschera, dietro un’identità segreta mi sento autorizzato a non fare i conti con quello che sono. Con quello che provo.

Nel caso di Oliver, con il dolore per la morte di mio padre. E poi con gli altri lutti. E poi con il dolore della solitudine.

Poi arrivano le profezie che si auto-avverano: mi convinco che se espongo gli altri alla mia identità segreta allora subiranno dei danni, verranno colpiti e io starò male. Poi questi vengono colpiti e allora vedi? Avevo ragione a rimanere nell’ombra e nell’anonimato. Stando male due volte. Perché chi amo è stato ferito. E perché mi sento responsabile. E allora mi arrabbio, medito vendetta e il cane continua a mordersi la coda in eterno.

Perché la spirale di frustrazione, di rabbia, di dolore, di vendetta e di isolamento non si spezza finchè la maschera non la si toglie e si prova a guardarla in faccia.

Chi sono diventato? Cosa sono diventato? E poi … poi c’è la parte più difficile. Guardare se stessi e decidere definitivamente cosa fare con la maschera. Metterla via? Tenerla sul camino come monito?

Anche oggi non ho la ricetta giusta. Non so dirvi cosa sia meglio fare. Posso però dirvi questo, per come io la vedo.

Tutti indossiamo delle maschere. Siamo tutti persone diverse in base a dove siamo e che ruolo dobbiamo ricoprire. Delle volte capita che i nostri lutti, i nostri traumi e i nostri dolori ci sembrino così grandi e inaffrontabili che dobbiamo mettere la maschera del “va tutto bene” e andare avanti.

Solo che dietro la maschera le lacrime scendono e restano incastrate. Non hanno modo di scorrere libere. Dietro la maschera il dolore è solo contenuto e non è libero di esprimersi, di lasciarsi esprimere.

Ecco, forse la mia “ricetta” è questa. Certe cose possono non andare bene. Possiamo dire che non va tutto bene. Forse i veri eroi sono loro. Quelli che la maschera la tolgono e dicono che “no, non c’è assolutamente nulla che vada bene”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

A Torino buoni spesa per le famiglie in difficoltà per il Covid dal 9 dicembre

Il Comune di Torino si prepara a distribuire nuovi buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa della seconda ondata Covid....

Covid, primo giorno di lavoro in Piemonte per i medici arrivati da Israele

I medici provenienti da Israele subito al lavoro in Piemonte per dare una mano contro il Covid nell'ospedale di Verduno.La delegazione medica...

Dpcm di Natale, Appendino: “Condivisibile nell’ottica di tutelare sicurezza”

“Non voglio commentare Dpcm che non sono ancora usciti, perchè in questo modo creiamo solo confusione nei cittadini, che hanno bisogno di...

ZTL sospesa fino al 9 gennaio

Prosegue la sospensione della Ztl a Torino. La sindaca Chiara Appendino ha firmato l'ordinanza che prolunga fino al 9 gennaio 2021 la...

Covid, in Piemonte test rapidi per il parenti degli anziani Rsa

Per le feste di Natale dalla Regione Piemonte i test rapidi Covid per chi va a trovare i parenti nelle Rsa del...