13.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Arrestato Vannoni, il padre del metodo Stamina: operava all’estero

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Per Davide Vannoni scattano nuovamente le manette ai polsi . I carabinieri del Nas si sono presentati stamani nella villa dell’ideatore del metodo Stamina, sulla collina di Torino, con un ordine di arresto. Per lui l’accusa è di aver continuato all’estero la pratica del metodo Stamina.

Infatti dall’estate scorsa si sapeva che alcuni pazienti italiani, decisi nonostante quanto accaduto in Italia, per utilizzare Stamina per curare tumori e malattie incurabili e degenerative, erano andati fino in Georgia. Ma anche qui il governo a chiuso le porte a Vannoni.

I carabinieri hanno proceduto al fermo perché secondo la Procura c’era il pericolo di fuga. L’indagine, coordinata dai pm Vincenzo Pacileo e Alessandro Aghemo, oltre all’attività aperta da Vannoni in Georgia, avrebbe cercato di spostare la sua attività in un altro Paese, (tra le ipotesi l’Ucraina, Bielorussia o Santo Domingo), usando come sigla la Prostamina life, associazione con sede a Roma, della quale avrebbero fatto parte la biologa Erica Molino, anche lei indagata e perquisita questa mattina nella sua residenza in provincia di Cuneo, e altri seguaci di Vannoni, sparsi in tutta Italia.

Secondo gli inquirenti il malato pagava 5mila euro per l’iscrizione e 27mila euro per cinque trattamenti, 18mila per tre, mentre le spese di viaggio, il vitto e l’alloggio, erano a suo carico.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano